Trapani, Poma, bene la Magistratura nel sequestrare beni mafiosi.

Scritto il 16 novembre 2012 alle ore 11:03 da

Trapani, 16 Novembre 2012-. In merito al provvedimento adottato dalla Dia di sequestro di beni ad un  fiancheggiatore del boss latitante Matteo Messina Denaro, il Presidente del consiglio Provinciale Peppe Poma ha espresso ” grande compiacimento per il nuovo sequestro di beni, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro, che va a indebolire ulteriormente – sottolinea Poma – lo scudo economico-finanziario e la rete di complicità che da anni rendono possibile la latitanza del capomafia Matteo Messina Denaro”. Poma continua ” Non posso non esprimere ancora una volta compiacimento e apprezzamento per il nuovo sequestro di beni che, frutto del perverso intreccio affaristico-malavitoso, rendono potenti le organizzazioni mafiose e consentono ai loro capi di sfuggire alla cattura.Anche per questo – ha concluso il Presidente del Consiglio Provinciale – è doppio il ringraziamento a quanti, appartenenti alle Forze dell’Ordine e all’Apparato Giudiziario, si spendono senza sosta per cercare di liberare il nostro territorio da questo infame giogo. I brillanti risultati ottenuti negli ultimi anni e quest’ultimo provvedimento della D.I.A., specie in un periodo di crisi come quello attuale, rinforzano sicuramente la speranza che i cittadini onesti ancora nutrono per un territorio trapanese che riesca finalmente a liberarsi dalle pesanti zavorre della criminalità mafiosa che ne mortificano ogni anelito di crescita socio-economica ma anche culturale”.

La redazione provvede alla moderazione degli stessi e nel caso in cui lo ritiene diffamatorio o lesivo,
il commento non sarà inserito

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Altre notizie di Cronaca per Trapani

Neppure il tempo di tirare il fiato dopo lo sbarco di domenica scorsa, quando sono scesi in 382 dal mercantile “Santa Giorgina”, e la macchina dell’accoglienza trapanese si è messa di nuovo in moto per l’arrivo al porto di altri 104 migranti. Tra di loro tre donne e una decina

Nessun ferito ma disagi nella circolazione, stamattina, sulla A29 “diramazione Alcamo-Trapani” per un incidente, accaduto intorno alle 9, che ha coinvolto un Tir con un carico di legname. Il tratto, in direzione Alcamo, tra i km 36,900 e 32,900 è stato chiuso al transito dai tecnici dell’Anas per consentire, con l’ausilio

Primo intervento stagionale per un’emergenza disbaric alla camera iperbarica dell’ospedale Sant’Antonio Abate, ormai attiva durante tutto l’arco dell’anno per il trattamento di varie patologie croniche che beneficiano dell’ossigenoterapia iperbarica. Ad essere trattato per una errata decompressione dopo un’immersione subacquea è stato un uomo di 49 anni, residente a Petrosino, giunto

Agenti della Squadra Mobile di Trapani hanno arrestato il pluripregiudicato palermitano Antonino Zito, 61 anni, per rapina, ricettazione e lesioni personali in concorso. Il provvedimento di custodia cautelare in carcere è stato emesso dal gip del Tribunale di Trapani Caterina Brignone su richiesta del sostituto procuratore Paolo Di Sciuva. Zito

A distanza di circa due settimane dall’ultimo arrivo, avvenuto lo scorso 17 aprile, il territorio trapanese torna ad accogliere un gruppo di migranti tra i quasi 4.000 salvati ieri, 2 aprile, in 17 operazioni di soccorso nel Canale di Sicilia. Si tratta di 382 persone, tra cui 304 uomini, 75 donne –