Trapani, Poma, bene la Magistratura nel sequestrare beni mafiosi.

Scritto il 16 novembre 2012 alle ore 11:03 da

Trapani, 16 Novembre 2012-. In merito al provvedimento adottato dalla Dia di sequestro di beni ad un  fiancheggiatore del boss latitante Matteo Messina Denaro, il Presidente del consiglio Provinciale Peppe Poma ha espresso ” grande compiacimento per il nuovo sequestro di beni, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro, che va a indebolire ulteriormente – sottolinea Poma – lo scudo economico-finanziario e la rete di complicità che da anni rendono possibile la latitanza del capomafia Matteo Messina Denaro”. Poma continua ” Non posso non esprimere ancora una volta compiacimento e apprezzamento per il nuovo sequestro di beni che, frutto del perverso intreccio affaristico-malavitoso, rendono potenti le organizzazioni mafiose e consentono ai loro capi di sfuggire alla cattura.Anche per questo – ha concluso il Presidente del Consiglio Provinciale – è doppio il ringraziamento a quanti, appartenenti alle Forze dell’Ordine e all’Apparato Giudiziario, si spendono senza sosta per cercare di liberare il nostro territorio da questo infame giogo. I brillanti risultati ottenuti negli ultimi anni e quest’ultimo provvedimento della D.I.A., specie in un periodo di crisi come quello attuale, rinforzano sicuramente la speranza che i cittadini onesti ancora nutrono per un territorio trapanese che riesca finalmente a liberarsi dalle pesanti zavorre della criminalità mafiosa che ne mortificano ogni anelito di crescita socio-economica ma anche culturale”.

La redazione provvede alla moderazione degli stessi e nel caso in cui lo ritiene diffamatorio o lesivo,
il commento non sarà inserito

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Altre notizie di Cronaca per Trapani

Alcuni colpi di arma da fuoco sono stati esplosi, stanotte, intorno alle 3.40, contro un’auto dell’Europol con a bordo agenti in servizio di vigilanzanella zona di Rilievo e Locogrande. Le due guardie giurate avevano, poco prima, notato una Fiat Panda di colore bianco con due persone a bordo parcheggiata sul ciglio della

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Trapani stanno completando, in queste ore, l’esecuzione di una misura di prevenzione patrimoniale, disposta nei confronti di Rosario Tommaso Leo, di Vita. L’imprenditore è stato già condannato nel 2013, dal Tribunale di Palermo, perché riconosciuto come uno dei

Sequestrati 1.500 chilogrammi di pesce fresco e congelato a tre ditte mazaresi che operavano all’interno dell’area del porto peschereccio di Trapani. L’operazione di controllo, svolta dai finanzieri della Compagnia di Trapani e della locale Sezione operativa navale, ha consentito di individuato tre soggetti mazaresi, intenti al commercio al dettaglio di prodotti

Avrebbe dovuto prendere il via oggi il processo a carico di Aminta Altamirano Guerrero, la 34enne di origine messicana accusata di aver provocato la morte del figlioletto Lorenz di tre anni. Il bimbo era stato trovato senza vita, nel suo letto, lo scorso 13 luglio, nell’abitazione in cui viveva con

Pista chiusa e voli dirottati su Palermo. E’ accaduto stamane all’aeroporto “Vincenzo Florio” a causa di un incidente che ha riguardato un prototipo di aeromobile a pilotaggio remoto. Intorno alle 13 l’areo P.1HH “HammerHead” della Piaggio Aerospace è uscito fuori pista durante delle prove di rullaggio per la valutazione delle