Trapani, Poma, bene la Magistratura nel sequestrare beni mafiosi.

Scritto il 16 novembre 2012 alle ore 11:03 da

Trapani, 16 Novembre 2012-. In merito al provvedimento adottato dalla Dia di sequestro di beni ad un  fiancheggiatore del boss latitante Matteo Messina Denaro, il Presidente del consiglio Provinciale Peppe Poma ha espresso ” grande compiacimento per il nuovo sequestro di beni, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro, che va a indebolire ulteriormente – sottolinea Poma – lo scudo economico-finanziario e la rete di complicità che da anni rendono possibile la latitanza del capomafia Matteo Messina Denaro”. Poma continua ” Non posso non esprimere ancora una volta compiacimento e apprezzamento per il nuovo sequestro di beni che, frutto del perverso intreccio affaristico-malavitoso, rendono potenti le organizzazioni mafiose e consentono ai loro capi di sfuggire alla cattura.Anche per questo – ha concluso il Presidente del Consiglio Provinciale – è doppio il ringraziamento a quanti, appartenenti alle Forze dell’Ordine e all’Apparato Giudiziario, si spendono senza sosta per cercare di liberare il nostro territorio da questo infame giogo. I brillanti risultati ottenuti negli ultimi anni e quest’ultimo provvedimento della D.I.A., specie in un periodo di crisi come quello attuale, rinforzano sicuramente la speranza che i cittadini onesti ancora nutrono per un territorio trapanese che riesca finalmente a liberarsi dalle pesanti zavorre della criminalità mafiosa che ne mortificano ogni anelito di crescita socio-economica ma anche culturale”.

La redazione provvede alla moderazione degli stessi e nel caso in cui lo ritiene diffamatorio o lesivo,
il commento non sarà inserito

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Altre notizie di Cronaca per Trapani

Sventato furto, ieri pomeriggio intorno alle 16, nella sede della “Satin” SpA di Trapani. L’azienda è attualmente sottoposta a procedimento fallimentare. E’ stato un operatore della sala operativa dell’istituto di vigilanza Tss Trident Security Services ad accorgersi che una delle telecamere di sicurezza installate nella sede dell’azienda era stata manomessa

Dichiarato inagibile un immobile che sorge in via Trento. Si tratta di uno dei capannoni di fronte al parcheggio multipiano in fase di ultimazione. Durante la scorsa notte, infatti, si è verificato il crollo del tetto. Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia Municipale di Trapani.

Agenti della Volante di Trapani hanno arrestato, in flagrante, il trapanese Salvatore Alcamo, 60 anni, per duplice tentata rapina aggravata. L’uomo, dopo essere entrato in un bar di via Nicolò Riccio e avere chiesto una birra, ha estratto una pistola e l’ha puntata contro la barista intimandole di consegnargli l’incasso.

Un trapanese incensurato di 39 anni è stato denunciato dalla Polizia per furto. E’ stato riconosciuto, da una guardia giurata, all’interno del negozio “Euronics” di via Ugo La Malfa a Palermo dove, il giorno precedente, si era impossessato di tre tablet. Sul posto è arrivata anche una pattuglia della Polizia che lo

E’stata spostata al prossimo 25 marzo, a causa della rinuncia di un giudice popolare, l’apertura del processo a carico di Aminta Altamirano Guerrero, la 34enne di origine messicana su cui pende l’accusa di avere ucciso, il 13 luglio del 2014, il figlioletto di 3 anni con una dose massiccia di un

Un episodio di violenza, con botte da orbi nella zona del Villino Nasi. Protagonista della lite una coppia della quale al momento non sono state rese note le generalità: ad avere la peggio la donna, secondo una prima rapida ricostruzione dell’accaduto. Sconosciuto al momento anche il movente del gesto. Sul posto

Avevano costretto un giovane di 27 anni, che si trovava all’esterno di un noto bar del centro storico, a salire a bordo di un’auto e successivamente, dopo averlo colpito con calci e pugni, gli avevano sottratto una somma di circa 100 euro. A finire in manette, stamane, ad opera dei

Pagina caricata in 1,427 secondi.
La pagina ha richiesto 90 queries al database.
Memoria utilizzata (picco) 41657 KB.