Trapani, Poma, bene la Magistratura nel sequestrare beni mafiosi.

Scritto il 16 novembre 2012 alle ore 11:03 da

Trapani, 16 Novembre 2012-. In merito al provvedimento adottato dalla Dia di sequestro di beni ad un  fiancheggiatore del boss latitante Matteo Messina Denaro, il Presidente del consiglio Provinciale Peppe Poma ha espresso ” grande compiacimento per il nuovo sequestro di beni, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro, che va a indebolire ulteriormente – sottolinea Poma – lo scudo economico-finanziario e la rete di complicità che da anni rendono possibile la latitanza del capomafia Matteo Messina Denaro”. Poma continua ” Non posso non esprimere ancora una volta compiacimento e apprezzamento per il nuovo sequestro di beni che, frutto del perverso intreccio affaristico-malavitoso, rendono potenti le organizzazioni mafiose e consentono ai loro capi di sfuggire alla cattura.Anche per questo – ha concluso il Presidente del Consiglio Provinciale – è doppio il ringraziamento a quanti, appartenenti alle Forze dell’Ordine e all’Apparato Giudiziario, si spendono senza sosta per cercare di liberare il nostro territorio da questo infame giogo. I brillanti risultati ottenuti negli ultimi anni e quest’ultimo provvedimento della D.I.A., specie in un periodo di crisi come quello attuale, rinforzano sicuramente la speranza che i cittadini onesti ancora nutrono per un territorio trapanese che riesca finalmente a liberarsi dalle pesanti zavorre della criminalità mafiosa che ne mortificano ogni anelito di crescita socio-economica ma anche culturale”.

La redazione provvede alla moderazione degli stessi e nel caso in cui lo ritiene diffamatorio o lesivo,
il commento non sarà inserito

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Altre notizie di Cronaca per Trapani

Un 41enne trapanese, residente ad Erice Casa Santa, è stato arrestato dai Carabinieri per estorsione continuata in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trapani. L’uomo, per alcuni mesi, era riuscito ad ottenere, minacciandolo, da un commerciante piccole somme di

Ladri in azione, stanotte, in via dei Mille dove ad essere preso di mira è stato il bar “Toro Loco” sito all’angolo con via Domenico Aula. Ignoti sono riusciti ad introdursi all’interno dell’esercizio commerciale dopo aver fatto saltare lucchetti e serrature con l’utilizzo di un trapano. Una volta all’interno hanno

Tre persone sono state arrestate per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trapani. Si tratta del pregiudicato 34enne Giuseppe Tahiri, del 25enne Giuseppe Tranchida e della 21enne Vita Maiorana. I tre – tutti di Paceco – sono stati intercettati nelle

Due sanzioni per occupazione abusiva di suolo pubblico sono state comminate dagli agenti della Polizia Municipale nel corso di una serie di controlli effettuata, in particolare, presso gli esercizi pubblici del centro storico cittadino. Ieri pomeriggio, inoltre, la squadra annonaria ha elevato una multa di 309 euro ad un cittadino del

Voleva vendicarsi di una condanna subita dal cognato costringendo, con minacce e violenze, una vicina di casa e la sua famiglia a lasciare la propria abitazione. Un’ordinanza di divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa è stata eseguita ieri dagli agenti della III sezione della Squadra Mobile