Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 09 Dicembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Aeroporto, Angius: "Si alla fusione tra Airgest e Gesap" - Trapani Oggi

8 Commenti

3

0

0

1

2

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Aeroporto, Angius: "Si alla fusione tra Airgest e Gesap"

17 Ottobre 2018 08:54, di Ornella Fulco
Aeroporto, Angius: "Si alla fusione tra Airgest e Gesap"
Attualità
visite 7155

EÌ€ scaduto l’8 ottobre scorso il bando per l’affidamento dei servizi di promozione e comunicazione per favorire l’incremento delle presenze turistiche all’aeroporto "Vincenzo Florio" di  Birgi. SaraÌ€ la CUC Trinakria di Comiso a comunicare l'esito. I commissari apriranno i plichi - presentati da due compagnie, Alitalia e Blue Air - per analizzare le offerte, vedere se sono congrue, se la documentazione prodotta eÌ€ regolare. Questa commissione dichiareraÌ€ aggiudicati i lotti sui cui è stata presentata offerta. Nell'attesa di questi sviluppi Paolo Angius, presidente del CdA dell'Airgest, fa il punto della situazione, anche alla luce della mancata partecipazione di Ryanair. La compagnia low cost irlandese, negli anni scorsi ha goduto degli incentivi economici del co-marketing portando allo sviluppo dello scalo di Birgi.
«Andare da Ryainair a contrattare prima del bando - sottolinea Angius - sarebbe stato un comportamento illecito che in nessuna societaÌ€, sotto la mia presidenza, si sarebbe mai commesso. Noi abbiamo contribuito a redigere un bando che fosse assolutamente rispettoso delle norme vigenti e delle pronunce giurisprudenziali piuÌ€ stringenti. Si pensi solo alle tematiche relative agli aiuti di Stato e ai piuÌ€ recenti orientamenti giurisprudenziali di svariati Tribunali amministrativi. La societaÌ€ Airgest, allo stato, eÌ€ orgogliosa di aver portato alla luce un bando che non ha ricevuto nessun ricorso e che, comunque si concluda, costituiraÌ€ un punto di ripartenza per la societaÌ€ di gestione».
Il presidente del CdA afferma che «nel momento in cui ci dovessimo accorgere che sono state fatte offerte solo per pochi lotti, sentita la Regione e l’assessorato al Turismo valuteremo con i Comuni del territorio se rimettere a bando i lotti restanti».
«Sicuramente - prosegue Angius - la strada del bando eÌ€ stata una via complicata per portare nuove rotte su Trapani ma é l’unica possibile e legale. Prima c’era il co-marketing diretto e la Camera di Commercio e i Comuni contrattavano con la compagnia. Noi siamo un soggetto totalmente inhouse del pubblico e non lo possiamo fare. CioÌ€ che abbiamo fatto eÌ€ il meglio che si poteva fare restando nei termini di legge. Adesso Airgest ha le condizioni finanziare, dopo il risanamento, per avere rapporti piuÌ€ diretti con le compagnie, azioni che valuteremo da societaÌ€ economicamente sana. L’intuizione giusta – prosegue – l’ha avuta il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci che ha parlato di fusione tra i due aeroporti di Trapani e Palermo. Una decisione che non danneggerebbe il 'Vincenzo Florio' ma accrescerebbe il suo valore messo a sistema con il 'Falcone e Borsellino'. Determinerebbe la creazione di un polo aeroportuale come eÌ€ accaduto tra Bari e Brindisi, Firenze e Pisa, Venezia, Treviso e Verona e, in grande, tra Malpensa e Linate e Fiumicino e Ciampino. EÌ€ una follia che esistano quattro societaÌ€ di gestione aeroportuale in Sicilia. Trapani adesso è una societaÌ€ ricapitalizzata, gli azionisti devono valutare l’interesse della cogestione».
«Trovo quasi lapalissiano – prosegue Angius - pensare che se Airgest e Gesap si fondessero si avrebbero infinite economie di scala e vantaggi competitivi negli accordi con le compagnie. Parlare di campanilismo è una follia, sono aziende entrambe a quasi totale partecipazione del pubblico e la tasca del contribuente è la stessa. Il Presidente Musumeci vada avanti. Sostenga prima i poli Sicilia Occidentale ed Orientale e poi la creazione del polo unico regionale, un polo da trenta milioni di passeggeri entro 5/8 anni se gestito con professionalitaÌ€. La Sicilia non eÌ€ un isola ma un continente. Ci si puoÌ€ e ci si deve arrivare».
 

© Riproduzione riservata

Commenti
Aeroporto, Angius: "Si alla fusione tra Airgest e Gesap"

VITO

IL FATTO INCONTESTABILE E' UNO E UNO SOLO: L'AEROPORTO DI PALERMO ERA IN CADUTA LIBERA, CON LA GESAP IN MEZZO AGLI SCANDALI ; GRAZIE ALLA GUERRA IN LIBIA E AL PIU' INUTILE MINISTRO DELLA DELLA STORIA, IL TRAFFICO DI TRAPANI E' PASSATO TEMPORANEAMENTE A PUNTA RAISI, RISOLLEVANDO LE SORTI DI GESAP; DOPO LA LIBIA, PALERMO, SOTTO BANCO, HA FATTO LE SCARPE A TRAPANI BIRGI, TENENDOSI I VOLI RYANAIR !! QUESTA E' LA STORIA. A CHIUNQUE LE CONCLUSIONI !!!!

Pietro

Sono sconcertato da questa presa di posizione di Airgest in quanto da anni abbiamo subito l'influenza negativa della Gesap di Palermo. In anni non molti recenti l'eroporto di Trapani non viveva periodi fiorenti; nessuno, e dico nessuno, dei presidenti di Gesap ha avuto il coraggio di prendersi il moribondo. Voi dirigenti Airgest pensate che questa fusione ci porti alla rinascita o al funerale più totale?????

Giuseppe

Chissà cosa diranno i politici di Trapani che avvalorarono la tesi del co-marketing di tutti i comuni della provincia... Allora grazie al commissario straordinario che quellevtesi non volle. Aveva visto bene!

gino

Troppo facile parlare di fusione con una società che va a 10 e la gesap che va a mille e senza soldi pubblici ne dai comuni né dallo stato. Quali competenze ha questo cd della argest? Dopo il fallimento della gestione dell'acqua in provincia di Palermo il comune di Palermo va in soccorso alla regione con la società amap. Dopo il fallimento dei rifiuti la regione chiede soccorso alla Rap. Dopo il fallimento della argest la la regione ipotizza l'aiuto della società, del Comune di Palermo, gesap. Troppo facile Musumeci

Mario

Peccato esseci nato.... quando si vede il trapanese medio che non riesce a farsi uscire gli attrubuti... ma riesce invece a piangersi addosso se come il mondo ce l'abbia con lui. Ma finiamola... chi si lamenta e non agisce non ha il diritto di reclamare nulla. Fusione o non fusione bisogna lavorare per ottenere i risultati e non agire per mero interesse politico o economico.

VITO

I DISCORSI CHE FANNO I NOSTRI POLITICANTI, CIRCA LA FUSIONE, ANDREBBERO BENE IN QUALUNQUE PAESE AL MONDO TRANNE CHE IN SICILIA, DOVE INVIDIE, EGOISMI E GRETTEZZA DI GENTUCCIA, MESSA DA NOI AD AMMINISTRARCI, RENDE LE COSE DIVERSE CHE ALTROVE !! A QUESTO PUNTO E' BENE CHIAMARE IL PARROCO PER IL "DE PROFUNDIS" ALL'AEROPORTO DI TRAPANI !!!!!

Enrico Bosco

Condivido tutto ciò che ho letto,mi auguro che al più presto si faccia questa fusione... buon lavoro e auguri per tutti noi.W. TRAPANI.

giulio

Si soprattutto per la GESAP di Palermo che trova su Trapani il nulla di salvaguardia del territorio con tutti i suoi politici sfaccendati

Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie