Trapani Oggi

Aeroporto Birgi, Tayarnjet lascia - Trapani Oggi

Misiliscemi | Cronaca

Aeroporto Birgi, Tayarnjet lascia

29 Ottobre 2021 11:27, di Redazione
visite 1424

Ombra: “ Punto e a capo”

La decisione di Tayaranjet, la compagnia aerea che rinuncia alle tre rotte di continuità territoriale servite (Perugia, Ancona e Trieste) sullo scalo di Trapani-Birgi.

La notizia si è saputa dopo che alcuni passeggeri che avevano comprato il biglietto per arrivare a Trapani già da settimane, solo  tre giorni fa si sono visti arrivare una mail  che annunciava la cancellazione del proprio volo, 

“Un matrimonio col territorio nato male e inevitabilmente, e aggiungerei fortunatamente, finito. Adesso, semplicemente mettiamo punto e andiamo a capo”.

Questo il primo commento del presidente di Airgest Salvatore Ombra.

Il vero problema restano i disagi ai passeggeri e non le rotte, Poi Ombra continua
" Come è noto non è l’aeroporto a scegliere le compagnie che si aggiudicano i bandi di Enac per coprire le rotte onerate e non potevamo che accogliere al meglio i vincitori, così come abbiamo fatto con la massima collaborazione e professionalità.

Peraltro - sottolinea Ombra - risulta che pur di aggiudicarsi le rotte abbiano fatto dei ribassi pesanti in sede di gara. Col tempo, è stato per noi motivo di grande frustrazione ascoltare le tante lamentele dei passeggeri per i numerosi disagi subiti senza poter far nulla.

Parliamo di voli ripetutamente cancellati, spostati d’orario, effettuati con inedite triangolazioni.
Insomma azioni che hanno prodotto una sensibile incapacità di fidelizzare l’utenza, con un danno importante per il territorio. A ciò va purtroppo aggiunto che, nonostante i rimborsi ottenuti, il vettore lascia un debito per tasse e diritti aeroportuali che ci hanno costretto ad avviare un recupero forzoso per tutelare gli interessi di Airgest. Le rotte sono onerate proprio perché non le copre il mercato! Da qui i vantaggi
”

E, a proposito invece della disaffezione del territorio alle tre rotte, Ombra aggiunge:

“Ha poco senso ormai recriminare che la compagnia avrebbe dovuto investire di più in pubblicità e promozione delle rotte le risorse economiche che ha comunque indicato nel piano dei costi e di cui dovrà rendicontare all’ENAC. Che le rotte fossero poco frequentate, lo dimostra il fatto che non fossero coperte spontaneamente dal mercato e si è quindi reso necessario imporre oneri di servizio pubblico. È alla base dei tanti benefici ricevuti dallo Stato per coprirle che hanno incassato. La compagnia sembra cercare di scaricare incapacità ed inadeguatezza criticando una sacrosanta conquista di diritto alla continuità per i siciliani svantaggiati dalla condizione di insularità”.

Il neo confermato presidente di Airgest, Salvatore Ombra, non perde l’entusiasmo e rilancia: “Chiediamo adesso alle compagnie aeree più motivate di partecipare al nuovo bando per la riassegnazione delle rotte”.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie