Trapani Oggi
Trapani Oggi

Sabato, 08 Agosto 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Al via lavori di riqualificazione nel quartiere "San Giuliano" - Trapani Oggi

0 Commenti

7

0

0

0

3

Testo

Stampa

Attualità
Erice

Al via lavori di riqualificazione nel quartiere "San Giuliano"

01 Febbraio 2018 10:05, di Redazione
Al via lavori di riqualificazione nel quartiere "San Giuliano"
Attualità
visite 926

Prenderanno il via nei prossimi giorni i lavori del terzo stralcio del progetto di riqualificazione urbanistica nel quartiere San Giuliano di Erice valle. La gara, il cui importo ammonta a 4 milioni di euro, è stata aggiudicata alla impresa edile Michelangelo Mammana di Castel di Lucio, in provincia di Messina. Gli immobili interessati sono quelli dei lotti 76, 77 e 78 delle cosiddette “palazzine a ferro di cavallo” di proprietà dell'IACP, cofirmatario, insieme al Comune di Erice, della convenzione con la Presidenza del Consiglio. Oltre ai consueti interventi sulle aree esterne, marciapiedi, aiuole, arredo urbano, prospetti degli edifici, saranno eseguiti lavori in 56 appartamenti con il rifacimento completo degli impianti idrici (bagno e cucina edelettrici e interventi di ripristino del vano scala, di eliminazione dei cavi a prospetto (se presenti), e di revisione delle coperture dei tetti con la coibentazione. Il piano dei lavori è stato presentato ieri nel corso della conferenza stampa a cui hanno preso parte la sindaca, Daniela Toscano, l’assessore comunale alle opere pubbliche, Gianni Mauro, e  il presidente del consiglio comunale, Giacomo Tranchida. Toscano ha sottolineato l’importanza del progetto di rigenerazione urbana: "La bellezza - ha detto - è un principio di civiltà e consente di restituire dignità al quartiere di San Giuliano". Nei  lavori sarà utilizzata, nella misura del  30 per cento, manodopera locale - come richiesto dal bando - chiamata con avviso pubblico la cui graduatoria è in fase di elaborazione. L’assessore Mauro ha annunciato che un quarto intervento nel quartiere sarà reso possibile dal reimpiego dei ribassi d’asta dei primi tre stralci del progetto per un importo di circa 1 milione e 500 mila euro.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings