Trapani Oggi

Alcamo: canadair in azione per spegnere gli ultimi focolai su Monte Bonifato - Trapani Oggi

Alcamo | Cronaca

Alcamo: canadair in azione per spegnere gli ultimi focolai su Monte Bonifato

24 Maggio 2021 09:20, di Redazione
visite 704

**Aggiornamento**- Incendio a Monte Pellegrino, Trizzino (M5S): “La Regione non esente da colpe”

“A quanto sembra l'incendio scoppiato a Monte Pellegrino sarebbe imputabile alla stupidità di alcune persone. Nulla da eccepire, anche la Regione, che dorme sulla riforma dei Forestali, ha le sue colpe in questa vicenda e sulla gestione degli incendi in genere”.

Lo afferma il deputato del M5S all'Ars, Giampiero Trizzino. responsabile nazionale delle politiche ambientali del M5S.

“A parte le cause scatenanti dei roghi - dice Trizzino – il problema sta alla radice. Manca una riforma organica dei Forestali. Nei giorni scorsi ho raccolto il grido di allarme di molti operatori, i quali pare abbiano avuto rassicurazioni dal governo Musumeci di una manovra legislativa che li riguarda. Ora, il M5S è pronto, come tra l’altro ha già fatto in altre occasioni, ad ammainare la bandiera di partito, per lavorare a testa bassa su un testo condiviso da tutto il Parlamento. Ma questo testo, sempreché esista, va prodotto in fretta. Noi, lo diciamo chiaramente a Musumeci, siamo disponibili al confronto”.
“E’ chiaro . Continua Trizzino - che la partita non si può chiudere solo con la riforma dei Forestali. Il sistema di prevenzione e repressione degli incendi boschivi va affrontato anche tenendo conto del fondamentale supporto offerto dai Vigili del Fuoco. E sulla città di Palermo, tra le altre cose, grazie al lavoro della deputata M5S alla Camera Roberta Alaimo, abbiamo chiesto in più occasioni con note ed interrogazioni al Ministero dell’Interno di implementare il presidio dei Vigili del Fuoco all’aeroporto Boccadifalco di Palermo. Questo darebbe sicuramente maggiore respiro alla attività di monitoraggio e spegnimento in buona parte del territorio. Insomma, il M5S c’è e non guarda ai colori politici quando si tratta di tutelare il territorio”.

_____________________________________________________________________________

**Aggiornamento** - Incendio monte Bonifato. Lombardo (Facciamo Eco): ResponsabilitĂ  gravissime della Regione, impensabile che stagione antincendio parta a giugno .

“Mentre la Sicilia brucia, la Regione dorme. L’incendio di questa notte del monte Bonifato è la dimostrazione di una disattenzione cronica della Regione Siciliana. Basti pensare che il servizio antincendio partirà a giugno mentre del servizio di prevenzione e manutenzione che prevede ad esempio l’attivazione dei viali parafuoco non v’è traccia alcuna. Se il servizio antincendio fosse stato già attivo, quest’ultimo rogo non si sarebbe propagato in maniera tanto devastante. La Regione non sia complice dei piromani”.

A dichiararlo è il deputato nazionale di Facciamo Eco - Federazione dei Verdi Antonio Lombardo a proposito della nuova ondata di incendi che sta colpendo il Trapanese e la Sicilia.

“Il diffondersi degli incendi in Sicilia - spiega Lombardo - non è una novità. Ci chiediamo pertanto come possa la Regione farsi trovare cronicamente impreparata con campagne antincendio che partono sempre in ritardo. Inutile parlare di nuove tecnologie quali droni e tecnologie militari per la prevenzione degli incendi, quando in Sicilia manca proprio l’ABC. Ad oggi non è stato realizzato nemmeno un metro quadrato di opere colturali di prevenzione, ovvero i viali parafuoco, così come non hanno fatto una sola ora di servizio i lavoratori forestali addetti allo spegnimento degli incendi. Il disastro per il 2021, e' annunciato come dimostrano i roghi che stanno interessando alcune zone della Sicilia a partire da Alcamo. Solo mandando tutti i forestali subito in cantiere a ripulire i boschi ed a presidiare il territorio sarà possibile ridurre i danni che abbiamo avuto anche lo scorso anno a causa della mancata programmazione degli interventi colturali.

Anche le amministrazioni territoriali ovviamente non sono esenti da responsabilità. Il rogo di Monte Bonifato è probabilmente frutto anche della scarsa programmazione dell'Ente gestore della relativa riserva che è l’ex consorzio provinciale di Trapani. Non possiamo permetterci di fare la conta dei danni e correre il rischio gravissimo di mettere a repentaglio la vita delle persone a causa della mancata prevenzione. La Regione ponga immediatamente rimedio” - conclude Lombardo.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

**Aggiornamento** - Da ieri nel tardo pomeriggio e per tutta la notte un incendio, a partire da via per Monte Bonifato, ha interessato il lato nord ovest del Monte Bonifato, la fascia pedemontana e poi a causa del vento si è spinto verso la zona Fastuchera; per fortuna non ci sono stati danni a cose e persone, mentre non sono ancora quantificabili i danni alla montagna.

Il Sindaco Domenico Surdi ha ribadito che “è stato domato l’incendio che, da ieri, ha colpito la nostra bellissima montagna; per tutta la notte le fiamme hanno interessato una vasta zona del Monte
Bonifato lambendo le case, ma grazie all’intervento coordinato dalla Prefettura e dal
dipartimento della Protezione Civile Regionale si è riusciti a sventare ogni pericolo per le
abitazioni”. Continua il Sindaco “ancora stamattina i canadair sono in funzione per bonificare le aree e spegnere gli ultimi focolai; mentre da ieri hanno lavorato incessantemente i Vigili del Fuoco
locali, provinciali e provenienti da Partinico e San Giuseppe Jato, oltre ai nostri vigili urbani,
la Croce Rossa, la Protezione Civile e le associazioni di volontariato”.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

**Aggiornamento** - Libera Alcamo sugli incendi del Monte Bonifato: fatto gravissimo e inaccettabile. Il presidio Libera Alcamo "Carmine Apuzzo e Salvatore Falcetta chiede "Verificarne immediatamente le responsabilità e attivare serie misure di prevenzione. L’ennesimo incendio, su vasta scala, è stato perpetrato ieri pomeriggio ai danni del nostro Monte Bonifato. Un fatto gravissimo e inaccettabile, specie se ripetuto nel tempo. Ormai denunciamo da diversi anni la scarsa attenzione al tema ambientale da parte dell' Istituzioni.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie