Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 10 Agosto 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Asp: avviata riorganizzazione dei Pronto Soccorso - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

1

2

1

Testo

Stampa

Salute
Trapani

Asp: avviata riorganizzazione dei Pronto Soccorso

15 Settembre 2017 08:05, di Redazione
Asp: avviata riorganizzazione dei Pronto Soccorso
Salute
visite 567

Parte la riorganizzazione dei Pronto Soccorso negli ospedali della provincia di Trapani.Con la firma del contratto a tempo indeterminato da parte di quattro nuovi specialisti in Medicina d’accettazione e d’urgenza - mentre un quinto firmerà a fine mese - sono stati completati gli organici dei medici dei reparti relativamente all’aliquota di assunzioni previste per il 2017. Due dirigenti medici sono stati assegnati all'"Abele Ajello" di Mazara del Vallo e due all'ospedale di Castelvetrano, mentre l’ultimo prenderà poi servizio a Marsala. “Abbiamo concluso il primo step – spiega il commissario dell’Azienda sanitaria provinciale Giovanni Bavetta – che prevedeva il completamento degli organici dei Pronto Soccorso. Questo ci permette di abbattere le criticità e di programmare una efficace riorganizzazione delle aree di emergenza urgenza, secondo precisi protocolli. Ogni reparto avrà la sua astanteria, l’OBI, l’osservazione breve intensiva, il triage ma anche spazi nuovi e razionalizzati per i quali sta lavorando il servizio tecnico aziendale. Sembra passato un secolo da quando ho voluto reindossare il camice per coprire un turno al pronto soccorso dell’ospedale di Castelvetrano ma era soltanto il 1° luglio scorso. In poco più di due mesi siamo riusciti a reintegrare tutti gli organici di medici e infermieri con assunzioni a tempo indeterminato, dando anche certezze e serenità ai reparti, per potere offrire un servizio migliore all’utenza". "A tutto questo deve aggiungersi – conclude Bavetta – il cambiamento d’approccio verso l’intero sistema dell’emergenza urgenza, con una compartecipazione del territorio, perché i Ppi, i Punti di Primo Intervento, e i medici di famiglia devono svolgere una funzione reale di filtro, in modo che nei reparti ospedalieri arrivino solo i casi più gravi”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings