Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 18 Settembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Attendamento circo "Sandra Orfei" fuori legge, Rizzi denuncia sindaco e dirigente dell'ASP - Trapani Oggi

1 Commento

0

0

0

0

2

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Attendamento circo "Sandra Orfei" fuori legge, Rizzi denuncia sindaco e dirigente dell'ASP

12 Febbraio 2019 11:38, di Ornella Fulco
Attendamento circo "Sandra Orfei" fuori legge, Rizzi denuncia sindaco e dirigente dell'ASP
Attualità
visite 2702

Attendamento circo "Sandra Orfei" fuori legge, Rizzi denuncia sindaco e dirigente dell'ASP Il circo "Sandra Orfei" ha tolto le tende ieri dal lungomare Dante Alighieri ma la sua presenza a Trapani, dallo scorso 24 gennaio, rischia di avere strascichi di carattere legale per il sindaco Giacomo Tranchida e il dirigente del Servizio veterinario dell'Asp Roberto Messineo. Il presidente del Noita onlus Enrico Rizzi, infatti, ha reso noto stamane, in un incontro con la stampa, di aver presentato una denuncia contro i due alla sezione di polizia giudiziaria del Corpo Forestale presso la Procura della Repubblica. L'animalista trapanese, già prima che il circo si attendasse nell'area del lungomare Dante alighieri, nei pressi dell'isola ecologica e di alcune palazzine popolari, aveva evidenziato all'amministrazione comunale e alla Polizia Municipale, l'inadeguatezza del luogo prescelto, sia dal punto di vista del benessere degli animali del circo sia da quello della sicurezza pubblica ma il circo che in un primo momento sembrava destinato a sloggiare, è stato poi autorizzato a restarvi prolungando anche la durata degli spettacoli, in origine programma fino al 4 febbraio, fino a ieri. Come evidenziato dai documenti acquisiti da Rizzi presso gli uffici dell'Asp, in data 23 gennaio il dirigente Messineo scriveva che: "Viste le criticità già riscontrate nel tempo relative al sito individuato dall'amministrazione per l'attendamento dei circhi; visto che nulla è stato fatto a seguito di ripetuti solleciti all'amministrazione effettuati durante le riunioni della Commissione comunale pubblici spettacoli avutesi in questi ultimi anni circa l'opportunità di trovare siti alternativi, al fine di evitare di provocare inopportune turbative all'abitato proprio nelle immediate vicinanze del sito; visto che all'atto della individuazione del sito non è stato né interpellato né coinvolto il Dipartimento di prevenzione della salute né  il Dipartimento di prevenzione veterinaria dell'Asp di Trapani al fine di valutare un luogo più idoneo allo scopo; visto che ad oggi il circo non ha ancora occupato il suolo pubblico, non ritenendo opportuno esprimere un parere per il sito in esame, si invita l'amministrazione ad individuare nell'ambito del territorio comunale un sito alternativo e definitivo rispetto a quello del lungomare Dante Alighieri per soddisfare al meglio i criteri igienico-sanitari e di benessere animale".
Il 25 gennaio Messineo torna a scrivere e si esprime così: "Dopo valutazione della nuova planimetria inoltrata dalla ditta (ndr. il circo) per la sistemazione dell'area di attendamento del circo, si comunica quanto segue: rispetto alla planimetria inoltrata in precedenza risulta una traslazione dell'area destinata agli animali verso il confine con il limitrofo Centro comunale di raccolta di rifiuti differenziati e, quindi, un allontanamento dalla area dagli abitati limitrofi; avevamo comunicato per le vie brevi l'opportunità, qualora non vi fossero migliori e più congrue alternative, per utilizzare il sito in questione, di ribaltare la sistemazione del circo in modo tale da trasferire l'area destinata agli animali verso il lato più lontano dalle abitazioni, e cioè dal lato del lungomare Dante Alighieri, ma ciò non è stato fatto perché il terreno è stato parzialmente allagato dal maltempo di questi giorni; visto che il circo ha già occupato il suolo pubblico concesso; visto che l'amministrazione comunale dichiara che al momento non ha altre aree idonee da destinare allo scopo, non ritenendo opportuno creare un danno né all'impresa né all'amministrazione comunale, pur avendo fin dal 2010 segnalato in seno alla Commissione comunale pubblici spettacoli l'inopportunità di continuare a utilizzare detto sito per tali scopi; visto che l'area individuata a disposizione degli animali come da relazione tecnica allegata all'istanza, risulta soddisfare i requisiti minimi dettati dalle linee guida per il mantenimento degli animali nei circhi o nelle mostre itineranti della commissione scientifica Cites, esprimiamo il parere favorevole alla nuova sistemazione del circo".
Il dottore Messineo conclude la sua risposta scritta destinata al dirigente del terzo settore del comune di Trapani, al sindaco e al comando della Polizia municipale, "invitando" l'amministrazione, "per i prossimi futuri attendamenti di spettacoli circensi, ad individuare e sistemare sin da subito nell'ambito del territorio comunale un sito alternativo e definitivo rispetto a quello del lungomare Dante Alighieri per impedire i possibili inconvenienti igienico-sanitari agli abitanti degli edifici limitrofi, poiché è desiderio degli scriventi non ritornare a valutare tale sito per gli scopi" in questione".
Secondo Enrico Rizzi, come si evince dalla denuncia presentata al Corpo Forestale, questo "cambiamento di rotta" del dirigente del Servizio veterinario dell'Asp può configurare l'ipotesi di reato prevista dall'articolo 323 del Codice penale, cioè quella di abuso di ufficio.
"Al di là della mia personale battaglia contro l'utilizzo di animali nei circhi - sottolinea il presidente del Noita onlus - resta il fatto che le leggi vanno rispettate ed è quello che chiedo venga verificato dagli inquirenti. Sono anni che denuncio l'assoluta inadeguatezza di quell'area che non è neppure indicata in una delibera di giunta del 2016, la numero 14, che ne individua altre".
La vicenda, al di là del caso in questione, evidenzia come negli anni non si sia stati in grado a Trapani, come amministrazioni comunali, di predisporre luoghi idonei allo svolgimento degli spettacoli dei circhi. E se il Circo è un'arte - e nessuno può contestarlo  - resta però vero che le sue peculiarità, specie quando ancora si continua ad utilizzarvi animali, richiedono adeguata attenzione in modo da garantire prima di tutto il rispetto delle normative del settore e poi la lecita attività economica di chi li gestisce. 
 

© Riproduzione riservata

Commenti
Attendamento circo "Sandra Orfei" fuori legge, Rizzi denuncia sindaco e dirigente dell'ASP

VITO

MA QUESTO NON HA PROPRIO NIENTE DA FARE?

Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie