Trapani Oggi

Bimbo morto, la madre nega di averlo ucciso - Trapani Oggi

Alcamo | Cronaca

Bimbo morto, la madre nega di averlo ucciso

16 Luglio 2014 08:16, di Ornella Fulco
visite 971

Ha negato gli addebiti che le vengono contestati dai magistrati Aminta Altamirano Guerrero, la donna messicana di 33 anni fermata dalla polizia, ad Al...

Ha negato gli addebiti che le vengono contestati dai magistrati Aminta Altamirano Guerrero, la donna messicana di 33 anni fermata dalla polizia, ad Alcamo, con l'accusa di avere ucciso, somministrandogli degli psicofarmaci, il figlioletto Lorenz, di 5 anni. Il suo difensore ha ribadito che la sua cliente nega decisamente di avere ucciso il bambino. La versione della donna, che da subito aveva riferito di aver trovato senza vita, nella mattinata di lunedì scorso, senza vita il bambino nel suo letto, non convince i magistrati. "Sin dall'inizio siamo rimasti perplessi - ha commentato il procuratore di Trapani Marcello Viola - e, man mano che abbiamo ricostruito il quadro ed acquisito altri elementi, ci siamo convinti che le cose stessero diversamente". Secondo l'ipotesi degli inquirenti, la donna, separata dal marito e affetta da depressione, intendeva togliersi la vita insieme con il figlio. A confermare questa intenzione una lettera, rinvenuta nella sua abitazione di via Amendola dai poliziotti. Sul corpo del bimbo è stata disposta l'autopsia che sarà eseguita oggi pomeriggio al cimitero comunale di Alcamo. Sempre oggi dovrebbe essere sentito dagli investigatori il padre del bambino, rientrato dalla Germania dove si era trasferito per lavoro dopo la separazione dalla Altamirano Guerrero. Il rapporto tra i due si era deteriorato da tempo e la donna lo aveva anche denunciato per maltrattamenti. I due si eran conosciuti in Messico nel 2007 e il bambino era nato dopo due anni, a Puebla. Amira Altamirano Guerrero aveva deciso di rimanere ad Alcamo anche per le modeste condizioni economiche in cui versava. Andava avanti con l'aiuto della parrocchia e con ciò che riusciva a guadagnare con lavori saltuari da badante o da collaboratrice domestica.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie