Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 29 Marzo 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Birgi, Crisi libica: paura della guerra e preoccupazione del settore turistico - Trapani Oggi

0 Commenti

8

1

2

0

0

Testo

Stampa

Sport

Birgi, Crisi libica: paura della guerra e preoccupazione del settore turistico

22 Marzo 2011 10:34, di Niki
Birgi, Crisi libica: paura della guerra e preoccupazione del settore turistico
Sport
visite 177

Trapani, 22 marzo 2011-Com'era prevedibile la chiusura dell'aeroporto Vincenzo Florio ed il trasferimento a Palermo di tutti i voli ha creato disagi ai viaggiatori ma anche la legittima protesta dei lavoratori della Airgest, la società di gestione dello scalo, e di quanto lavorano nei servizi di supporto, dalla gestione dei parcheggi alla ristorazione. Tutti sono fortemente preoccupati per il loro  posto di lavoro, a rischio per il blocco dello scalo. Ieri l'Airgest ha tenuto una riunione straordinaria del consiglio di amministrazione durante la quale il presidente Salvatore Ombra ha illustrato i vari passaggi che hanno portato alla chiusura dello scalo civile e le ipotesi per trovare soluzioni al problema. Una prima previsione effettuata dal vertice Airgest contempla la chiusura dello scalo almeno sino a fine marzo. Intanto, tutti i passeggeri che avevano prenotato i voli da Trapani debbono recarsi a Birgi almeno due ore prima dell’orario previsto per l' imbarco per essere imbarcati su pullman che li trasferiranno poi all'aeroporto Falcone e Borsellino di Punta Raisi. I pullman avranno una frequenza di quaranta minuti prima dell’orario di volo. Chi vuole può  trasferiris a Palermo con propri mezzi. Intanto preoccupazioni sono state espresse anche dai sindacati e dagli operatori del turismo, visto che a giorni sarebbero cominciati gli arrivi  in vista della Pasqua e dei celebrati Riti della Settimana Santa. Sinora non si sono registrate cancellazioni di prenotazioni, anche perché sono passate appena pochi giorni dall'avvio della crisi e 48 ore dalla chiusura dello scalo, ma la preoccupazione c'è ed è forte.  A nulla vale  ricordare che si sapeva che in caso di crisi lo scalo, militare e base Onu, sarebbe stato immediatamente utilizzato in via esclusiva dalle forze armata. I venti di guerra erano lontani e nessuno voleva solamente pensare che ci fosse un ritorno al 1986. Ora, invece, così è e all'aeroporto “Livio Bassi” si vive in un clima di frenetica attività con gli addetti nel pieno  svolgimento delle operazioni militari. Sinora  il colonnello Mauro Gabetta, comandante del 37^  Stormo di stanza a Birgi ha tenuto a sottolineare, nei suoi incontri con la stampa, come l'attività svolta dai militari italiani sia stata sempre di semplice ricognizione e non sia stato lanciato un solo missile. Ma l'interrogativo è: sino a quando?

© Riproduzione riservata

Commenti
Birgi, Crisi libica: paura della guerra e preoccupazione del settore turistico
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie
Change privacy settings