Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 05 Luglio 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Birgi: “E' presa in giro?" - Trapani Oggi

0 Commenti

6

1

0

6

0

Testo

Stampa

Sport

Birgi: “E' presa in giro?"

26 Marzo 2011 17:11, di Niki Mazara
Birgi: “E' presa in giro?"
Sport
visite 221

Trapani, 26 marzo 2011-Il grido d’allarme lanciato dal Presidente della provincia di Trapani è forte e chiaro e chiama alla responsabilità tutti quanti dicono, a parole, di operare per il territorio e che invece, se quanto affermato da Turano risponde a verità “lo scalo trapanese riaprirebbe in maniera molto limitata soltanto per garantire le tratte sociali”, altro non si tratterebbe dell’ennesima presa in giro da parte di chi, a livello regionale e nazionale, ci Governa.  Non sfugge a nessuno che, in questo momento, a pagare “la panella” altro non sono che i siciliani, in particolare quelli del versante occidentale. Fatta eccezione per  Mineo, in Sicilia orientale, Lampedusa, assalita dai profughi, Pantelleria e Trapani, dove l’operatività della Nato ha chiuso al traffico i due aeroporti, sono realtà turistiche che pagano a caro prezzo una intervento militare (guai a chiamarla guerra, anche se di guerra si tratta visto che ci sono armi e si spara) in cui tanti osservatori vedono non esigenze di salvaguardia di democrazia, ma interessi economici. La situazione è grottesca se si considera che il famigerato, e solo ora scoperto dittatore sanguinario Gheddafi, è stato nel tempo riverito ed ossequiato (in ultimo con tanto di bacio all’anello, manco fosse il Papa), dai nostri governanti. Ed ora una miope politica internazionale, riveduta e corretta correndo dietro agli interessi franco-inglesi, viene fatta pagare ancora una volta alla povera gente. Trapani ha puntato sul turismo, la Provincia Regionale ha affrontato ed affronta oneri consistenti per incoraggiare un settore economico che è cresciuto e gli operatori del settore che hanno investito denaro , tempo ed intelligenza. Che tutto venga vanificato da un comportamento dissennato di chi ha agito senza tenere in alcun conto questa realtà non è assolutamente accettabile. In questi giorni abbiamo assistito al proliferare di comunicati stampa e di interventi di politici (con la p minuscola) regionali e nazionali.Tutti si sono riempiti la bocca di parole come turismo, economia, libertà etc., tutti si sono detti pronti a combattere, seppure da posizioni opposte, per un unico, comune, scopo, quello della riapertura dello scalo. E qualcuno (andate a leggere le loro dichiarazioni), ha cantato vittoria, sicuramente troppo presto. Solo che ora il presidente della Provincia ci dice che vittoria non è. Che una politica parolaia e menzognera ha ancora una volta venduto “chiacchiere e distintivo”. I casi sono due: o Turano dice il falso o a dire il falso sono “i parolai del comunicato stampa”, coloro i quali hanno avuto assicurazione del mefistofelico La Russa o dall’altero Matteoli, o ancora dal siciliano, di Caltanissetta, Riggio,  che “tutto è a posto, madama la marchesa”. Noi crediamo, e mai come in questo caso saremmo felici di sbagliare, che a dire il vero sia Turano. E che la dichiarazione della Ryanair che conferma la volontà di avere Birgi come base delle proprie attività al Sud altro non sia che una prima presa di distanza. E dell’economia trapanese, del turismo, degli investimenti, pubblici e privati,  chissenefrega.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings