Trapani Oggi

Blitz Petrosino. E il mafioso rimproverava il consigliere per non averlo ringraziato - Trapani Oggi

Petrosino | Cronaca

Blitz Petrosino. E il mafioso rimproverava il consigliere per non averlo ringraziato

08 Marzo 2023 14:03, di Redazione
visite 5618

L'inchiesta, che riguarda le elezioni comunali del 2022 a Petrosino

Emergono altri particolari dal blitz dei carabinieri di stamane a Petrosino.

"lo so che sei a posto, cioè della Giunta tutti hanno ringraziato all'infuori di te". Così il boss Marco Buffa rimproverava affettuosamente il consigliere comunale Michele Buffa appena eletto grazie ai suoi voti. Emerge dall'indagine della Dda di Palermo che oggi ha portato all'arresto dei due Buffa per voto di scambio politico-mafioso.

L'inchiesta, che riguarda le elezioni comunali del 2022 a Petrosino, svela i pesanti condizionamenti del voto da parte di Cosa nostra. Marco Buffa, condannato a 16 anni per mafia, sosteneva il candidato sindaco Anastasi (non indagato in questo procedimento), che poi ha vinto le elezioni, e avrebbe stretto un accordo con Michele Buffa, aspirante consigliere comunale della stessa lista del primo cittadino. In diverse intercettazioni si comprende che in cambio dell'appoggio elettorale Buffa ha ottenuto garanzie di assunzioni di amici nella cooperativa in cui lavorava il politico e per sé nei servizi sociali del comune.

"Minchia ...vero ... mi sono dimenticato a dirtelo questa mattina, sì ci ho parlato, o domani o dopo domani lo chiama tuo genero, vedi cosa ti dovevo dire, diglielo a tuo genero se non è domani dopodomani lo chiamano", diceva il mafioso all'amico, condannato per estorsione e traffico di droga, assicurandogli l'assunzione del genero.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie