Trapani Oggi

Cani del porto, cittadini protestano davanti ad ambulatorio veterinario - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

Cani del porto, cittadini protestano davanti ad ambulatorio veterinario

06 Febbraio 2016 10:30, di Ornella Fulco
visite 600

Una trentina di persone si sono ritrovate ieri pomeriggio, a partire dalle 17, davanti alla sede dell'ambulatorio privato del medico veterinario Fabio...

Una trentina di persone si sono ritrovate ieri pomeriggio, a partire dalle 17, davanti alla sede dell'ambulatorio privato del medico veterinario Fabio Rotolo in adesione alla manifestazione di protesta indetta dal segretario nazionale del Partito Animalista Europeo, Enrico Rizzi. L'iniziativa è nata a seguito del trasferimento di due cagne, deciso dopo la visita effettuata dal sanitario che presta la sua opera professionale anche per l'Azienda sanitaria provinciale di Trapani, al canile di Caltanissetta. Il veterinario, dopo aver effettuato il controllo, ha certificato che i due animali sono potenzialmente aggressivi; quindi, non è possibile consentirne la permanenza sul territorio. "Pupa e Bianca- riferiscono alcuni residenti - da molti anni vivono nella zona di viale Regina Elena e non hanno mai dato fastidio a nessuno". Alcuni di loro si occupano di dare da mangiare alle due cagne che, solitamente, sostano sulla banchina del porto, di fronte alla sede della Capitaneria di Porto. In verità una di loro, alcuni mesi fa, si era scagliata contro un uomo che stava praticando jogging procurandogli una ferita che lo aveva costretto a recarsi al Pronto Soccorso dell'ospedale "Sant'Antonio Abate". Altre persone hanno riferito di essere state rincorse dall'animale mentre transitavano a piedi o in bicicletta. La cagna era stata, quindi, prelevato per una verifica - riferiscono dal Pae - e poi rilasciata sul territorio. Ieri pomeriggio, davanti alla sede dell'ambulatorio veterinario, oltre a poliziotti, vigili urbani e carabinieri, c'era anche un gruppetto di persone che hanno manifestato il loro sostegno al dottore Rotolo. Nonostante gli inviti in tal senso partiti dal megafono impugnato per l'occasione da Enrico Rizzi, il veterinario non ha ritenuto opportuno aderire ad un "confronto in piazza" uscendo dall'ambulatorio. Una dichiarazione del dottore Rotolo sul "caso" delle due cagne era stata diffusa due giorni fa, insieme alla nota ufficiale del presidente dell'Ordine dei medici veterinari di Trapani. “I cani sono stati definiti potenzialmente pericolosi - scriveva il veterinario - e attraverso il criterio di cautela e precauzione, i soggetti non presentano requisiti idonei a garantire l’incolumità pubblica. Assicuro ai cittadini che non è stata una decisione presa a cuor leggero e mi dispiace immensamente per chi teneva a questi cani ma per i miei obblighi nei confronti dell’incolumità pubblica non potevo esimermi dal prendere una tale decisione“. Il segretario del Pae, Enrico Rizzi, ha annunciato di aver chiesto al comandante della Polizia Municipale di Trapani di acquisire il fascicolo riguardante i due cani e di essere intenzionato a procedere legalmente nei confronti del veterinario. [metaslider id=84139]

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie