Trapani Oggi
Trapani Oggi

Martedì, 03 Agosto 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Castellammare del Golfo. Diffamazione e calunnia, condannato ingegnere - Trapani Oggi

0 Commenti

2

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca
Castellammare del Golfo

Castellammare del Golfo. Diffamazione e calunnia, condannato ingegnere

24 Giugno 2021 11:44, di Redazione
Castellammare del Golfo. Diffamazione e calunnia, condannato ingegnere
Cronaca
visite 1398

Il Tribunale di Trapani ha condannato ad un anno e cinque mesi di reclusione, l'ingegnere Martino Di Benedetto, di Castellammare del Golfo. E' accusato di diffamazione e calunnia nei confronti dell'ex responsabile dell'Ufficio tecnico lavori pubblici pure di Castellammare, Simone Cusumano.Tutto ruota attorno ad un finanziamento di circa 200 mila euro, che il Ministero dell'istruzione assegnò al Comune di Castellammare per la ristrutturazione del plesso scolastico Francesco Crispi.  Di Benedetto si aggiudicò i lavori. Fu però necessaria la redazione di una perizia di variante e suppletiva per circa 15.000 euro. Ultimati i lavori  Di Benedetto chiese un compenso di circa  19.000 euro al lordo, a fronte di una aggiudicazione  di 8.000 euro circa, con un maggiore importo di 11.000. Somme che Cusumano, non liquidava, che chiedeva una parcella congrua al lavoro effettivamente svolto .
Di Benedetto invece che riformulare la sua richiesta di compensi, trasmetteva a Cusumano, una serie di note, portate a conoscenza, del sindaco  e dei dirigenti del Comune, in cui accusava Cusumano di  incompetenza, presunzione, arroganza, di non essere rispettoso delle norme, evidenziando anche vicende legate alla sfera personale. Lo stesso trasmetteva la documentazione alla Procura, accusando Cusumano  di omissione di atti di ufficio  per non avere ottemperato  alla richiesta  di pagamento avanzata dallo stesso ingegnere .
Le indagini invece evidenziarono che Di Benedetto, ritardava di oltre un anno l’emissione del certificato di regolare esecuzione dei lavori, impedendo in questo modo all’impresa  di incassare le somme dovute e facendo ricadere ogni responsabilita’ su Cusumano.
La Procura, ha archiviato il procedimento contro Cusumano, che nel frattempo ha querelato Di Bendetto che è stato così rinviato a giudizio.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings