Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 17 Luglio 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

"Città intelligenti", Trapani quart'ultima nella classifica nazionale - Trapani Oggi

4 Commenti

1

0

0

0

0

Testo

Stampa

barraco
Attualità
Trapani

"Città intelligenti", Trapani quart'ultima nella classifica nazionale

17 Ottobre 2018 12:15, di Redazione
"Città intelligenti", Trapani quart'ultima nella classifica nazionale
Attualità
visite 4668

Resi noti i risultati dell'edizione 2018 del rapporto "ICity Rate", stilato da FPA, con la classifica delle "smart city" italiane individuate tra i 107 comuni capoluogo. Milano, per il quinto anno consecutivo, è la città più smart d’Italia con un distacco di quasi venti punti dalla seconda classificata e ottimi risultati soprattutto negli ambiti di solidità economica, ricerca e innovazione, lavoro, attrattività turistico-culturale, anche se ancora in ritardo nelle dimensioni ambientali, come il consumo di suolo e territorio (appena 76ª) e qualità dell’aria e dell’acqua (solo 96ª). La segue Firenze che, per un soffio, toglie la seconda posizione a Bologna. Trento, Bergamo, Torino, Venezia, Parma, Pisa eReggio Emilia completano la classifica delle prime dieci "smart city" italiane.Male per Trapani che risulta al quart'ultimo posto della classifica, confermando il divario fra centri del Nord e del Sud del Paese. Le prime venti città in classifica, infatti, appartengono alle aree centro-settentrionali e sono collocate al Nord le sette città che hanno scalato più posizioni rispetto al 2017. Bisogna scendere fino al 43° posto per trovare la prima città del Meridione e Isole, Cagliari, che guadagna quattro posizioni rispetto al 2017. La coda della classifica è occupata da sole città meridionali, con Agrigento fanalino di coda, preceduta da ViboValentia, Caltanissetta, Trapani - appunto - Crotone, Taranto, Enna, Brindisi, Caserta e Benevento.
Il rapporto annuale realizzato da FPA, società del gruppo Digital360, nasce dalla volontà di fotografare la situazione delle città italiane nel percorso per diventare “smart”, ovvero più vicine ai bisogni dei cittadini, più inclusive, più vivibili. FPA ha individuato e analizzato 15 dimensioni urbane che - in ambito nazionale e internazionale - definiscono traguardi per le città (occupazione, ricerca e innovazione, solidità economica, trasformazione digitale, energia, partecipazione civile, inclusione sociale, istruzione, attrattività turistico-culturale, rifiuti, sicurezza e legalità, mobilità sostenibile, verde urbano, suolo e territorio, acqua e aria). Le dimensioni tengono insieme 107 indicatori che, aggregati nell'indice finale ICity index, consentono di stilare la classifica finale tra 107 comuni capoluogo.
“Dal rapporto ICity Rate 2018 emerge quanto sia cruciale il ruolo del capitale umano nel determinare il posizionamento complessivo delle città – afferma Gianni Dominici, direttore generale di FPA –. Le tre città leader nella classifica generale, Milano, Firenze e Bologna, infatti, lo sono anche negli ambiti 'trasformazione digitale' e 'lavoro', e si collocano al vertice anche nelle dimensioni 'istruzione', 'attrattività turistico-culturale' e 'partecipazione civile', risultati che in parte riflettono e in parte determinano il loro superiore dinamismo. D’altra parte, però, è altrettanto chiaro che la sostenibilità sia un obiettivo ancora lontano per le città italiane, anche per quelle più avanzate nello sviluppo della smart city, che appaiono in difficoltà nella gestione e conservazione della qualità dell’aria e dell’acqua, dei rifiuti e del territorio. Aspetti cruciali nei prossimi anni”.
Gli unici ambiti in cui le città meridionali riescono a contenere il distacco e in alcuni casi ad affacciarsi ai vertici delle graduatorie nazionali sono quelli ambientali (verde urbano, suolo e territorio e soprattutto acqua e aria).

© Riproduzione riservata

Commenti
"Città intelligenti", Trapani quart'ultima nella classifica nazionale

Salvatore

Due anni fa proposi un progetto smart per la città ma non ricevendo consensi e sponsor, da buon ingegnere volevo avviare un'attività sul territorio, costretto ad andare via, faccio queste cose per la città di Bologna.

VITO

PURTROPPO, IN QUESTA MARTORIATA NAZIONE, CI DOBBIAMO SORBIRE PERSONE CHE NON SANNO PIU' COSA INVENTARSI PER GIUSTIFICARE IL LAUTO STIPENDIO CHE PERCEPISCONO NEL POSTO DI LAVORO CHE QUALCHE AMICO POLITICO GLI HA DATO; MI PARE EVIDENTE CHE SE AVESSERO DA LAVORARE, NON AVREBBERO IL TEMPO PER PENSARE A QUESTE STUPIDAGGINI !!!

Giovanni

Ecco... screditiamo sempre il Sud. Mi dispiace per i "Milanesi" che non vengono a godersi il mare,il sole,le bellezze e l'ottimo cibo della Sicilia.

giulio

Ben più alta la naturale e meravigliosa collocazione che almeno quella, i politichesi eletti non possono morfologicamente danneggiare . Ma non basta, ma si eleggono nullità.

Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie