Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 15 Luglio 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Colli (UDI): "Necessaria maggiore attenzione al tema della violenza sulle donne" - Trapani Oggi

0 Commenti

3

1

2

1

1

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Colli (UDI): "Necessaria maggiore attenzione al tema della violenza sulle donne"

25 Ottobre 2017 17:21, di Redazione
Colli (UDI): "Necessaria maggiore attenzione al tema della violenza sulle donne"
Attualità
visite 396

Sulla vicenda dell'uomo arrestato dopo aver versato della cera bollente sulla bocca della compagna durante un litigio, si registra la presa di posizione di Valentina Colli, presidente del circolo UDI di Trapani, secondo cui “l’ennesimo atto di violenza consumata tra le mura domestiche contro la donna di Marsala cui, forse simbolicamente, è stata bruciata la bocca con la cera, non puó lasciarci indifferenti. Con forza dobbiamo riportare al centro il problema della violenza sulle donne, esulando dai dati o dai macabri distinguo". "Continuiamo ad affermare che la violenza maschile è innanzitutto un fatto di potere - prosegue Colli - costruito culturalmente nei secoli, e che solo la decostruzione di una mentalità patriarcale potrà arginare: occorre rigorosa certezza della pena, ci vuole contrasto alla violenza agita ma, soprattutto, prevenzione di quella futura. Occorre che chi si occupa di questi temi sappia di cosa sta parlando, che costruisca reti e non agisca in solitaria, che abbia a disposizione dalle Istituzioni - che devono presiedere ai Diritti e al Bene Comune - strumenti e risorse: perchè la buona volontà non è un’arma sufficiente". Secondo la presidente dell'UDI Trapani è necessario "ricostruire un nuovo modo di essere Uomini e Donne nella Società a partire dalle famiglie, spesso indifferenti o persino tolleranti; dalle scuole, che sempre più si trovano a doversi sostituire come agenzia educativa. Ma soprattutto partendo dalle Istituzioni: devono misurarsi con il genere femminile e rispettarlo, coprire di disapprovazione e ostracismo sociale i violenti e tutti coloro che ne sono complici ma anche tagliare ogni risorsa a chi usa nei media, nell'informazione, nella formazione stereotipi sessisti e costruisce l’inferiorità delle donne e l’uso del loro corpo senza autodeterminazione. Le Istituzioni a tutti i livelli facciano la loro parte: le Convenzioni internazionali, le normative non basta firmarle ma vanno rese operative, dalle Regioni ai Comuni". "Dunque - conclude Colli - nuove azioni e nuovi strumenti subito, applicare in fretta e in modo efficace le leggi esistenti e dare un nuovo impulso a tutte le forme di prevenzione, di formazione, certezza della pena, contrasto e sicurezza nelle strade ma, soprattutto, nelle case, nei nuclei familiari dove maturano i casi più gravi. Si occupi di questo anche la politica locale, se ne parli anche in questa campagna elettorale verso le Regionali: che il contrasto alla violenza sulle donne e la valorizzazione delle stesse nei ruoli sociali diventi 'IL' tema di cui parlare e l’urgenza da risolvere“.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings