Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 19 Gennaio 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Conclusa la missione del 37° Stormo in Islanda - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

0

1

0

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Conclusa la missione del 37° Stormo in Islanda

07 Ottobre 2018 15:23, di Redazione
Conclusa la missione del 37° Stormo in Islanda
Attualità
visite 1550

Si è conclusa lo scorso 4 ottobre, con la partenza degli Eurofighter dall'aeroporto di Keflavìk la missione internazionale del 37° Stormo dell'Aeronautica Militare, di stanza a Birgi, nell'ambito dell'operazione "Northern Stork" per la difesa dello spazio aereo della NATO sopra i cieli dell'Islanda.A partire dal 12 settembre, infatti, e per tre settimane, militari italiani hanno assicurato l'integrità dello spazio aereo della NATO, rafforzando l'attività di sorveglianza di quel Paese che non possiede capacità e strutture per la difesa aerea autonoma.
All'operazione hanno preso parte piloti, ufficiali tecnici, specialisti e personale logistico e operativo del 37° Stormo insieme ai colleghi del 4° e del 36° Stormo, ai controllori dell'11° Gruppo DAMI di Poggio Renatico (FE) e del 22° Gruppo Radar di Licola (NA)  presso il CRC LOKI (Control and Reporting Centre) islandese di Keflavìk.
In tre settimane sono state svolte, in totale, più di 90 ore di volo, con oltre 22 sortite di "scramble" simulati per l'addestramento alla prontezza operativa e numerose missioni addestrative per il mantenimento della piena operatività del personale navigante. Sono state,  inoltre, svolte attività addestrative congiunte con la Guardia Costiera islandese, il NORAD (North American Aerospace Defence Command) e la U.S. Navy per migliorare la flessibilità degli assetti e nell'ottica della standardizzazione delle procedure.
L'attività di "air policing" non è una novità per l'Aeronautica Militare Italiana che partecipa con continuità all'Interim Air Policing dell'Albania, già dal 2009, della Slovenia, dal 2004, alternandosi in questo servizio, rispettivamente, con la Grecia e con l'Ungheria. In Islanda ha già operato nel giugno 2013.
L'attività di sorveglianza dello spazio aereo della NATO è continua e consente una rapida reazione nel caso di eventuali violazioni come, ad esempio, il decollo rapido dei caccia intercettori che in termini tecnici è definito "scramble". L'air policing viene svolta nell'ambito dell'area di responsabilità del Comando Operativo Alleato della NATO (Allied Command Operation - ACO) di stanza a Bruxelles e viene coordinata dal Comando Aereo (Air Command) di Ramstein.

© Riproduzione riservata

Commenti
Conclusa la missione del 37° Stormo in Islanda
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie