Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 09 Luglio 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Concluso il Convegno diocesano. Mogavero: "Necessario inaugurare il tempo della condivisione" - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

0

2

3

Testo

Stampa

Attualità
Marsala

Concluso il Convegno diocesano. Mogavero: "Necessario inaugurare il tempo della condivisione"

04 Gennaio 2014 14:20, di Ornella Fulco
Concluso il Convegno diocesano. Mogavero: "Necessario inaugurare il tempo della condivisione"
Attualità
visite 291

"Le assemblee sono lo specchio delle nostre comunità parrocchiali e questo ci dà la possibilità di capire chi siamo veramente. Bisogna inaugurare il tempo del “con”, della condivisione, concelebrazione e collaborazione". Lo ha detto il vescovo di Maazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero, al termine del Convegno diocesano sul tema "Relazione e dialogo nella Chiesa comunione", che si è concluso oggi all’hotel President di Marsala, al termine di due giorni di lavori. Il vescovo, intervenendo sul tema “La comunità parrocchiale, soggetto di pastorale”, ha posto l’attenzione critica sulle assemblee ribadendo come "in quelle domenicali c’è una fetta di spettatori inermi che non segue le preghiere, persone educate ma che non aprono bocca. Quale è, quindi, l’obiettivo delle assemblee? Partecipazione attiva, fruttuosa. Ma quando questo accade? Come accade? Tocca a noi cambiare l’aggregato in vere assemblee". Mogavero si è soffermato anche sull’aspetto del linguaggio: "Quello verbale non basta più – ha detto – facciamo fatica ad utilizzare le risorse dei giovani. L’ascolto e il dialogo non possono essere atteggiamenti passivi, ma devono essere complementari, attivi entrambi" Da qui l’apertura della Chiesa locale al territorio e ai laici auspicata dal vescovo, "con una Pastorale aperta al territorio, convergente, dove la mediazione pastorale non deve essere solo un calendario di incontri ma ascolto del territorio, annuncio e conversione. Se le assemblee fossero il volto specchio delle nostre comunità andremmo in crisi di speranza oltre che di identità. Ma non possiamo permetterci questo. D’ora in avanti i problemi cresceranno e bisogna pensare ad una maggiore corresponsabilità dei laici". "La liturgia esprime la natura genuina della vera Chiesa, perché in essa si realizza la sintesi dialettica di alcune dinamiche contrapposte: umano e divino, visibile e invisibile, corporeo e spirituale. La liturgia, inoltre, esprime e manifesta il senso profondo della Chiesa". Lo ha detto il monaco benedettino Giorgio Bonaccorso. "Coinvolgimento significa composizione equilibrata tra azione, emozione e ragione. Il coinvolgimento si estende altresì a tutte le forme di espressività, e quindi ai linguaggi verbali e non verbali, proprio perché il rito è la mediazione multimediale del sacro. Da ultimo, coinvolgimento significa che nella liturgia si esclude la distinzione tra attore e spettatore, perché non c’è un protagonista. L’unico protagonista è invisibile ed è Dio stesso". Nella mattinata di ieri è intervenuto don Domenico Messina, direttore dell’Ufficio liturgico della Diocesi di Cefalù: "L’uomo sperimenta oggi diverse modalità di esilio: da se stesso, dalle relazioni interpersonali, il credente dallo stile di Gesù. La soluzione di questa dinamica esiliante ha una duplice prospettiva: esodale e sinodale. La prospettiva sinodale si concretizza come apertura al dialogo nel luogo prezioso che è la liturgia attraverso il dialogo tra Dio e il suo popolo, il dialogo tra i credenti, il dialogo tra la Chiesa e il mondo. La liturgia, in questo modo, diventa luogo nel quale trova piena rispondenza la vita comunitaria".

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings