Trapani Oggi
Trapani Oggi

Martedì, 19 Ottobre 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Covid Sicilia: vaccini, al via prenotazioni per i cittadini dai 65 ai 69 anni. "Marsala" rischio zona rossa - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca
Marsala

Covid Sicilia: vaccini, al via prenotazioni per i cittadini dai 65 ai 69 anni. "Marsala" rischio zona rossa

09 Aprile 2021 07:58, di Redazione
Covid Sicilia: vaccini, al via prenotazioni per i cittadini dai 65 ai 69 anni. "Marsala" rischio zona rossa
Cronaca
visite 1011

**Aggiornamento** IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL’ASP DI TRAPANI CHIEDE AL PRESIDENTE DELLA REGIONE L’ISTITUZIONE DELLA ZONA ROSSA A MARSALA PER 15 GIORNI- IL SINDACO MASSIMO GRILLO: “I DATI SUI CONTAGI SONO PREOCCUPANTI. PUR COMPRENDENDO LE LEGITTIME RAGIONI DI DIVERSI OPERATORI COMMERCIALI MEGLIO ADOTTARE QUESTO PROVVEDIMENTO ORA CHE NELLE PROSSIME SETTIMANE. E’ NECESSARIO TUTELARE LA SALUTE DEI NOSTRI CITTADINI”.Con un post su facebook ieri sera il Sindaco di Marsala, Massimo Grillo, si è rivolto alla cittadinanza marsalese comunicando che verosimilmente la Città, nei prossimi giorni, sarà dichiarata zona rossa. Il provvedimento è stato ufficialmente richiesto dal direttore del dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Trapani, Francesco di Gregorio, direttamente al Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dopo avere sentito il Prefetto di Trapani, Tommaso Ricciardi e lo stesso primo cittadino
lilibetano.
La richiesta formulata dal suddetto Dipartimento, viene motivata sia sulla base dell’incidenza cumulativa dei contagi nell’ultima settimana che sono stati di 228 rispetto alla popolazione di 84 mila abitanti, che dalle attività di monitoraggio e contact tracking dalle quali emerge che si attendono ulteriori positività di altri soggetti che potrebbero superare le 30 unità.
Della delicata situazione, peraltro, si è anche discusso in una video conferenza di servizio voluta ieri mattina dal Sindaco Massimo Grillo e alla quale hanno anche preso parte il responsabile dell’U.O. di Igiene e Sanità Pubblica di Marsala, Benedetto Di Dia, il rappresentante regionale dei Pediatri di Libera scelta, Giuseppe Vella, e i responsabili provinciali dei medici di medicina generale.
“E’ una notizia non piacevole da dare alla nostra Comunità - sottolinea il Sindaco Massimo Grillo. Mi rendo conto che la zona rossa per un periodo di 15 giorni mette ancor più in crisi particolarmente le attività commerciali e produttive della nostra Città, ma purtroppo si rende necessaria per la tutela della salute pubblica. Nel ringraziare i dottori Di Dia e Di Gregorio per la tempestività con la quale si sono attivati, auspichiamo che questo ulteriore periodo di sofferenza da parte di tutti
noi, unitamente a un maggiore senso di responsabilità, possa, nelle prossime settimane evitare il diffondersi incontrollato dei contagi”.
______________________________________________________________________________
Ha preso il via in Sicilia, la campagna di vaccinazione anti-Covid riservata ai cittadini dai 65 ai 69 anni (non ricompresi nei target per i quali sono già in corso le operazioni di prenotazione e somministrazione del vaccino), che da subito potranno avere accesso ai sistemi telematici di prenotazione per richiedere il vaccino AstraZeneca.
Le procedure sono analoghe a quelle già in atto nel territorio della Regione Siciliana per gli altri target della campagna vaccinale: si può, infatti, adoperare la piattaforma della struttura commissariale nazionale, gestita da Poste Italiane, prenotazioni.vaccinicovid.gov.it o attraverso il portale regionale www.siciliacoronavirus.it.
Oltre alla modalità online, è possibile prenotare anche attraverso il call center dedicato - telefonando al numero verde 800.00.99.66 attivo da lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 18 (esclusi sabato e festivi) –  attraverso i 687 sportelli Postamat e tramite il canale costituito dai portalettere di Poste Italiane che possono inserire in agenda gli appuntamenti richiesti dai cittadini appartenenti alla categoria interessata. Si ricorda che il vaccino è gratuito e non obbligatorio.
Intanto Marsala a rischio zona rossa. Lo annuncia il Sindaco Massimo Grillo ha ribadito che si confronterà con l'Asp e Prefettura dopo i dati, a suo dire allarmanti di ieri.
Marsala ha 261 casi accertati, ma, annuncia il Sindaco, ci sono altri 60 casi che oggi verranno contabilizzati. Da qui la decisione dell'Asp di chiedere la chiusura della città, per evitare ulteriori ripercussioni. La città non ha i numeri per essere dichiarata automaticamente zona rossa, ma l'Asp di Trapani chiederà al presidente Musumeci il provvedimento proprio per evitare ulteriori conseguenze, soprattutto perché ancora si aspettano i numeri di Pasqua e Pasquetta, con molti marsalesi che si sono lasciati andare a mangiate in famiglia e ritrovi con amici, come hanno accertato le diverse operazioni dei Carabinieri.
Covid: situazione ospedali in Sicilia, occupato il 19% dei posti in rianimazione
A livello regionale, in Sicilia, così come riportato nel monitoraggio dell'Agenas (aggiornato al 7 aprile), si registra una occupazione del 19 per cento delle terapie intensive, contro il 40 per cento del dato nazionale. Mentre, per quanto riguarda le degenze ordinarie, si rilevano ricoveri pari al 29 per cento, rispetto al 44 per cento della media italiana. La percentuale di pazienti Covid attualmente ricoverati in rianimazione, in rapporto a 100 mila abitanti, è del 3,1 per cento, rispetto al 6,1 del resto d'Italia. 
In particolare, il livello di occupazione degli ospedali nel Palermitano è costantemente monitorato e, al momento, non raggiunge livelli di allerta. Risultano ancora disponibili, infatti, 46 posti in terapia intensiva e 113 di degenza ordinaria. Inoltre sono utilizzabili, all'occorrenza per i cittadini che non necessitano di cure ospedaliere, il 90 per cento dei posti nelle Rsa dedicate e l'85 per cento nel Covid hotel. Tale ricognizione è stata effettuata nel corso di un incontro tenuto dal presidente della Regione, Nello Musumeci, con i manager delle Aziende sanitarie e ospedaliere palermitane e con il commissario straordinario per l'emergenza Covid Renato della Costa.
«Ho chiesto ai direttori generali - sottolinea il governatore - un ulteriore sforzo per far fronte all'aumento della pressione sugli ospedali, dove, comunque, si stanno continuando a garantire servizi e assistenza sanitaria anche per le patologie non Covid. E di tutto questo, per l'ennesima volta, voglio ringraziare il personale medico e paramedico che da oltre un anno sta dando prova di straordinario impegno». Dopo un lieve rallentamento coincidente con le festività pasquali, è tornato a pieno ritmo il processo di somministrazione dei vaccini: sono circa 19mila i siciliani che ieri hanno ricevuto una dose.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings