Trapani Oggi

C.P.R. Milo, undici ospiti in fuga - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

C.P.R. Milo, undici ospiti in fuga

25 Novembre 2021 16:41, di Redazione
visite 3590

Lo denuncia Italia Celere, un sindacato di Polizia

Nella notte appena trascorsa, ben 11 trattenuti sui 33 presenti al C.P.R. di contrada Milo a Trapani si sono allontanati arbitrariamente dalla struttura dopo aver divelto un pannello della recinzione del “Settore C” ove erano amministrativamente detenuti. Lo denuncia il Segretario Generale Provinciale del sindacato di polizia “Italia Celere”, Alberto Lieggio.

Questi, sottolineando come la struttura sia costata per la sola   ristrutturazione 5 milioni di euro, ricorda come la struttura sia stata “ aperta a metà Agosto 2021, in fretta e furia, senza che fossero presenti le prescritte dotazioni antincendio (come già segnalato alla locale Procura da questa Organizzazione.Sindacale), senza che i cancelli che delimitano la zona C.P.R. e la zona della Commissione Territoriale vengano doverosamente chiusi, senza che la porta dotata di serratura con codice posta a separazione tra la zona C.P.R. e la zona della Commissione Territoriale  venga doverosamente mantenuta chiusa”.

Il sindacato sottolinea ancora come l’ impianto di videosorveglianza  “ non viene monitorato (tanto da non vedere 11 persone che attraversano mezzo C.P.R. per assicurarsi la fuga)”, e che “ la presenza di container delle varie Organizzazioni  Internazionali posti a ridosso dei muri di cinta, facilitano lo scavalcamento degli stessi, ed un doppio muro di cinta senza logica in quanto non chiuso da cancelli”.

Per Italia Celere “  bisogna solo ringraziare il fato che nessuno si sia fatto male” e che “  parte di tali falle sono causate dal lassismo causato dal continuo utilizzo della struttura come Hot Spot in occasione degli sbarchi”. Da qui la denuncia al Ministero dell’interno dipartimento della pubblica sicurezza segreteria del dipartimento della pubblica sicurezza ufficio per le relazioni sindacali ed ad altri enti e istituzioni preposti.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie