Trapani Oggi

Crollo ponteggio: le reazioni dei sindacati - Trapani Oggi

Erice |

Crollo ponteggio: le reazioni dei sindacati

27 Gennaio 2023 15:18, di Redazione
visite 1548

Uil e Feneal e Filca Cisl Palermo Trapani

“Oggi a Erice la tragedia è stata scampata, ma l’episodio deve far riflettere, e dunque agire, su quanto si può fare a tutela della sicurezza nei luoghi di lavoro”. Ad affermarlo sono il segretario generale della Uil Trapani Tommaso Macaddino e il segretario Feneal Uil Trapani Giuseppe Tumbarello, commentando l’incidente avvenuto stamattina in un cantiere edile di via Corridoni a Casa Santa Erice, che ha visto coinvolti due operai, uno dei quali rimasto gravemente ferito. “La media degli incidenti sul posto di lavoro in Italia è terribilmente alta – affermano -, ci sono 1.200 morti circa ogni anno, per cui la Uil da sempre si impegnata a ogni livello per rivendicare misure utili per cancellare questa tragedia. Lo dobbiamo a chi ha perso la vita mentre lavorava, lo dobbiamo a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori. La sicurezza va garantita sempre, perché la vita va garantita sempre”.

“E’ una emergenza senza fine, il mondo del lavoro inizia il nuovo anno come aveva chiuso lo scorso, con questi episodi che colpiscono tutti noi e in cui ad avere la peggio sono lavoratori che ogni giorno fanno il loro dovere. Basta, bisogna fermare questa scia".Ad affermarlo sono il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana e il segretario generale Filca Cisl Palermo Trapani Francesco Danese intervenendo sull’incidente sul lavoro avvenuto stamani in via Corridoni a Erice dove a causa della caduta di un Ponteggio sono rimasti feriti due operai. “Attenderemo l’esito delle indagini chiariranno le dinamiche e le cause e di certo il crollo del ponteggio poteva anche avere conseguenze più gravi. Come sindacato noi ribadiamo ogni giorno il nostro impegno con la richiesta di tavoli di confronto sul tema e la presentazione delle nostre richieste perchè è chiaro, che non è più rinviabile un Patto per la salute e sicurezza che possa rappresentare una strategia di base che impegni tutti coloro che sono chiamati a intervenire sulla tutela della vita e della salute dei lavoratori". "Serve aumentare il numero degli ispettori e quindi dei controlli nei cantieri perche sulla sicurezza e la vita dei lavoratori non sono accettabili errori di nessun tipo" "Cruciale - concludono - ripartire anche dalle scuole per diffondere la cultura della sicurezza, perché sia ben insita nei lavoratori del futuro che prima di tutto, va preservata la vita. Fondamentali anche la scuola edile ed il comitato paritetico per la sicurezza e la formazione in edilizia che sono sempre pronti a fare formazione per la sicurezza "
 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie