Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 23 Ottobre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Detenuto tenta di portare in carcere 4 micro telefonini nascondendoli nel retto - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca
Trapani

Detenuto tenta di portare in carcere 4 micro telefonini nascondendoli nel retto

26 Febbraio 2019 15:04, di Ornella Fulco
Detenuto tenta di portare in carcere 4 micro telefonini nascondendoli nel retto
Cronaca
visite 4005

Detenuto tenta di portare in carcere 4 micro telefonini nascondendoli nel retto Nuova operazione della Polizia Penitenziaria alla Casa Circondariale di Trapani dove gli agenti al comando del commissario capo Giuseppe Romano hanno sequestrato ad un detenuto di rientro da un permesso quattro micro telefoni. Il ritrovamento è stato possibile grazie all'utilizzo del Manta Ray, dispositivo che consente l'individuazione di componenti elettronici. L'uomo - l'agrigentino G.S. di 50 anni, fine pena nel luglio 2024 per furto, ricettazione, truffa ed altro - aveva nascosto i telefonini nel retto. Quando lo strumento ha segnalato la presenza di componenti elettronici all’altezza del suo addome, è stato posto in isolamento.Dopo qualche ora, a seguito anche dell'opera di persuasione messa in atto dai poliziotti penitenziari, il detenuto si è "liberato" dei quattro micro telefoni, marca L8STAR della misura di cm.5,2x2 che, con tutta evidenza, aveva nascosto prima di rientrare in carcere.
"Il ritrovamento - commenta il comandante Romano - è la conferma che uno dei principali canali attraverso i quali i telefonini entrano in carcere sono i detenuti cosiddetti 'permessanti' che, snaturando la vera natura del permesso premio, cioè quella di stare vicino ai propri cari, ne approfittano per tentare di introdurre in carcere oggetti non consentiti, come i telefonini, e stupefacenti". 
 
 

© Riproduzione riservata

Commenti
Detenuto tenta di portare in carcere 4 micro telefonini nascondendoli nel retto
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie