Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 26 Settembre 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Divieto di espatrio per Girolamo Fazio - Trapani Oggi

0 Commenti

3

2

1

2

2

Testo

Stampa

Cronaca
Trapani

Divieto di espatrio per Girolamo Fazio

30 Agosto 2017 13:09, di Ornella Fulco
Divieto di espatrio per Girolamo Fazio
Cronaca
visite 697

Divieto di espatrio per Girolamo Fazio, l'ex sindaco e deputato regionale che era stato in lizza alle ultime Amministrative come primo cittadino di Trapani. La misura cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Trapani su richiesta della locale Procura della Repubblica, è stata notificata all'interessato dai militari del Comando provinciale dei Carabinieri di Trapani e di Palermo. Nel provvedimento è disposta la consegna del passaporto agli uffici della Questura. Fazio era finito ai domiciliari lo scorso 19 maggio perché coinvolto nell’operazione "Mare Monstrum" con l'accusa di corruzione e vi era rimasto fino al 3 giugno quando il gip del Tribunale di Trapani, dopo averlo ascoltato, aveva deciso per la sola misura cautelare del divieto di dimora nel comune di Palermo. Una ordinanza, quest'ultima, revocata  di recente dal Tribunale del Riesame. Ancora pendente, davanti alla Cassazione, invece, il ricorso presentato dai legali di Fazio contro il ripristino degli arresti domiciliari disposto dal Tribunale del Riesame su richiesta dei magistrati trapanesi. "L’attività investigativa, condotta dai Carabinieri sotto il coordinamento della Procura di Trapani diretta da Alfredo Morvillo, ha ulteriormente aggravato il quadro indiziario a carico di Fazio - si legge nella nota diffusa alla stampa - facendo emergere anche un imminente e concreto pericolo di fuga e di inquinamento probatorio”. "Fazio - prosegue la nota - sarebbe stato in procinto di partire per il Nord Africa e la segretezza serbata agli inquirenti da alcuni testimoni interpellati su tale argomento e le successive interlocuzioni riservate avute da costoro con i familiari di Fazio, ha indotto il giudice a considerare tali circostanze come segno della volontà dell’indagato di darsi alla fuga o di incontrare persone al fine di inquinare le prove".

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings