Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 23 Settembre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Erice, il Movimento "Erice che vogliamo"si schiera con Renzi - Trapani Oggi

0 Commenti

3

1

3

0

3

Testo

Stampa

Economia

Erice, il Movimento "Erice che vogliamo"si schiera con Renzi

24 Ottobre 2012 18:04, di Niki Mazara
Erice, il Movimento "Erice che vogliamo"si schiera con Renzi
visite 304

Erice, 24 Ottobre 2012.  Presso la sede del Movimento "Erice che vogliamo" si è riunita l' Assemblea degli aderenti che ha deliberato la convinta costituzione del Comitato a sostegno della candidatura di Matteo Renzi, nata dall'esigenza di riformare un impegno nuovo politico a servizio dell'Italia, privo di storici condizionamenti pseudo/ideologici, aperto a forze nuove riformiste emergenti in grado di guidare il Paese con una nuova politica, rinnovata oltre che nelle idee anche negli uomini e nelle donne e, sopratutto, credibile e innovatrice. Il Comitato è costituito da Sebastiano Marciante coordinatore, Paolo Scibetta vicecoordinatore, Antonino Tartamella segretario-tesoriere; fanno parte del direttivo Angela Maria Miceli, Chiara Inglese e Francesca Nolfo. All'Assemblea degli iscritti al Comitato Adesso! per Matteo Renzi "Erice per l'Italia che vogliamo"  anche il Sindaco di Erice, Giacomo Tranchida, che dichiara: "Plaudo e sono al servizio del rinnovato impegno di giovani e donne, studenti, insegnanti e professionisti della nostra città, che in questa nuova sfida culturale, prima ancora che generazionale, in coerenza di comportamenti e animati dall'autentica passione civile ispirata dalla voglia di cambiare e mandare a casa la vecchia politica, hanno deciso di esserci e far sentire la loro voce. Da Erice - conclude Tranchida - riparte una speranza forte di riscatto, che invito i cittadini ericini e trapanesi a saper cogliere: la politica può essere diversa se davvero lo vogliamo e, per cambiarla, non occorre molto, semplicemente esserci, attivamente partecipare e metterci la faccia in prima persona. Adesso!!! Delegare gli altri significa anche rinunciare alla propria assunzione di civica responsabilità ...poi, pero', non possiamo avere alibi se la politica degli "altri" non ci piace ...e' quella che comunque abbiamo voluto, delegando.."

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings