Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 11 Dicembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Fallimento Cantiere navale, la Procura ipotizza bancarotta fraudolenta - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

0

0

4

Testo

Stampa

Sport
Trapani-Erice

Fallimento Cantiere navale, la Procura ipotizza bancarotta fraudolenta

01 Novembre 2013 08:26, di Redazione
Fallimento Cantiere navale, la Procura ipotizza bancarotta fraudolenta
Sport
visite 182

Dietro al fallimento del Cantiere navale di Trapani (Cnt) e della Satin, che ha provocato il licenziamento di 58 operai, potrebbe esserci la bancarotta fraudolenta. L'ipotesi di reato è stata formulata dalla Procura di Trapani, che indaga sul caso. Tra i soggetti iscritti nel registro degli indagati figura l'imprenditore Giuseppe D'Angelo, presidente della Satin e amministratore delegato del Cnt. Alle due società la sezione fallimentare del Tribunale ha apposto i sigilli nell'aprile scorso. L'indagine, che coinvolge D'Angelo e altri soggetti ai vertici delle società, viene definita dagli inquirenti "articolata e complessa" e potrebbe dar vita a nuovi filoni d'inchiesta. Secondo l'ipotesi accusatoria, la bancarotta fraudolenta sarebbe stata messa in atto dall'azienda madre - Satin - con una serie di operazioni tendenti a provocare un fallimento pilotato del Cnt; una di queste operazioni sarebbe consistita nell'elaborazione di un piano industriale, finalizzato al mantenimento del controllo del bacino di carenaggio senza più la zavorra del Cnt e dei relativi debiti della società. Il piano è però naufragato perché le banche non hanno più concesso credito alla Satin (Ansa)

© Riproduzione riservata

Commenti
Fallimento Cantiere navale, la Procura ipotizza bancarotta fraudolenta
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie