Trapani Oggi
Trapani Oggi

Martedì, 01 Dicembre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Fazio su appello contro suo reintegro: "Strategia mirata ad inquinare competizione elettorale" - Trapani Oggi

0 Commenti

5

2

1

2

2

Testo

Stampa

Politica
Trapani

Fazio su appello contro suo reintegro: "Strategia mirata ad inquinare competizione elettorale"

26 Aprile 2017 17:42, di Redazione
Fazio su appello contro suo reintegro: "Strategia mirata ad inquinare competizione elettorale"
Politica
visite 356

"L’appello proposto dai consiglieri di Forza Italia, Guaiana, Lamia e Peralta, assistiti dall’avvocato Gino Bosco, esplicita, finalmente con nomi e cognomi, semmai ve ne fosse stato bisogno, che quella ordita a mio danno è una trama finalizzata ad estromettermi dal Consiglio comunale e, principalmente, ad inquinare la competizione elettorale minando il confronto democratico tra le parti. Una assoluta mancanza di riguardo, non nei miei confronti ma, soprattutto, nei confronti dei cittadini e elettori trapanesi". Così il deputato regionale e candidato sindaco Girolamo Fazio commenta l'iniziativa dei tre consiglieri comunali volta ad impedire il suo reintegro come disposto da una sentenza del Tribunale di Trapani. "La pervicacia e l’accanimento con i quali viene perseguita questa strada- prosegue - non è sicuramente improntata al perseguimento dell’interesse pubblico, bensì ha lo scopo di tentare di mettere le mani nella stanza dei bottoni per potere gestire il “potere” in autonomia, senza presenze ingombranti. Una strategia, a mio avviso, rivelatrice della estrema debolezza dei miei avversari e della mancanza di argomenti di confronto sul programma e sulle cose concrete da realizzare a Trapani nei prossimi cinque anni". Secondo Fazio "l’improvvisa discesa in campo da parte del senatore Antonio d’Alì, a questo punto, credo abbia solo lo scopo di contrastare una mia eventuale vittoria nella corsa verso Palazzo d’Alì ma non vorrei che, semmai dovesse egli raggiungere il suo obiettivo, si ripetesse lo stesso scenario del 2007, quando dopo poco più di un anno e mezzo, lasciò la presidenza della Provincia regionale per inseguire i suoi personali interessi politici".

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings