Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 04 Marzo 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Fondi Pac 2014, gli agricoltori della provincia attendono ancora il pagamento - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

0

0

1

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Fondi Pac 2014, gli agricoltori della provincia attendono ancora il pagamento

25 Marzo 2015 16:30, di Ornella Fulco
Fondi Pac 2014, gli agricoltori della provincia attendono ancora il pagamento
Attualità
visite 342

Sono circa un migliaio gli agricoltori trapanesi che non hanno ancora ricevuto il pagamento dei fondi europei Pac (politica agricola comune) relativi all'anno 2014. A denunciarlo è il presidente provinciale della Uimec Trapani, Giuseppe Aleo, che si è fatto portavoce presso il ministro delle Politiche Agricole e Forestali Maurizio Martina delle istanze degli agricoltori del territorio provinciale trapanese sollecitando un intervento per accelerare i tempi i cui i lavoratori del settore agricolo possano usufruire di tali somme. Intanto, è stato spostato al prossimo 15 giugno il termine per la presentazione delle nuove domande di aiuto Pac. "Recependo le richieste di alcuni Stati membri, tra cui l’Italia, - spiega Aleo - la Commissione Europea ha autorizzato la proroga dei termini (la cui scadenza è il 15 maggio) per venire incontro alle difficoltà attuative della riforma della politica agricola comune. Si tratta di una proroga volontaria che dovrebbe riguardare anche i pagamenti dello sviluppo rurale. Il ministro - prosegue il presidente provinciale della Uimec - dice che il rinvio è cosa buona e giusta anche per i ritardi accumulati dallo Stato. Comunque oltre ai proclami ancora non c'è un decreto ministeriale che recepisce la proroga - aggiunge Aleo - pertanto, al di là della volontà manifestata, non sappiamo ancora se al 15 di giugno si chiudono tutte le attività oppure, come dovrebbe essere, da quella data partono i 25 giorni previsti dalle norme comunitarie, quando la scadenza è il 15 maggio, per continuare a presentare le domande seppure con penalità progressiva per ogni giorno di ritardo. Sarebbe importante fare totale chiarezza quando si fanno proclami senza i contestuali atti normativi”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings