Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 28 Maggio 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Furti di acqua pubblica. Comune denuncia ignoti - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca
Pantelleria

Furti di acqua pubblica. Comune denuncia ignoti

12 Dicembre 2019 19:14, di Redazione
Furti di acqua pubblica. Comune denuncia ignoti
Cronaca
visite 1381

 Il Comune di Pantelleria ha  presentato alla locale stazione dei Carabinieri denuncia contro ignoti  per il reato di furto d’acqua contro ignoti.Da qualche tempo il Comune di Pantelleria aveva ravvisato dei prelievi eccessivi e incongruenti presso le fontanelle di San Vito, di Sibà e di Bukkuram.
Per scoraggiare tale fenomeno sono stati investiti centinaia di migliaia di euro per dotare le tre contrade di una rete idrica a norma. Ciononostante,  si sono riscontrati pochi allacciamenti rispetto a quelli potenziali ed il fenomeno della sottrazione abusiva d’acqua continua a ripetersi. Più di una volta si è provveduto a regolare la portata dell’acqua in modo tale che sia quella normalmente erogata da una fontanella, cosa diversa da un punto di carico.
Tutto regolarmente bypassato dagli autori dei furti che hanno agito direttamente sulle valvole della condotta impropriamente, per poter riempire in modo più rapido taniche e cisterne di volumetrie maggiori a quelle consentite.
In una nota l’amministrazione comunale sottolinea come “Rubare alla Comunità è già di per sé un atto vile, ma quando ad essere rubata è una risorsa preziosa e rara come l’acqua a Pantelleria, i danni per i panteschi sono ancor più gravi e vanno ad influire direttamente sulle tasche dei cittadini onesti”.
Da qui la decisione della denuncia. Per capire l’entità del danno subito dai panteschi, la differenza tra il primo semestre 2018 ed il secondo, che in alcuni casi va da pochi euro a migliaia, rende bene l’idea di quanto si stia sottraendo alla comunità, pari ad oltre trentamila euro, mentre le entrate comunali dalla vendita dei buoni forfettari per il prelievo dalle fontanelle per il 2018 ammontano a poco più di settemila  euro.
“Risulta fin troppo evidente – scrivono gli amministratori comunali -che a differenza sarà a carico dei panteschi onesti, anche di quelli che nemmeno sanno dove si trovano le fontanelle”. Infine, per arginare il fenomeno e per tutelare il patrimonio pantesco, il Comune ha previsto, oltre alle segnalazioni alle Forze dell’Ordine, di installare delle telecamere di sorveglianza nelle zone interessate dai furti

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings