Trapani Oggi

Furto in una villetta, fermati due giovani rumeni - Trapani Oggi

Marsala | Cronaca

Furto in una villetta, fermati due giovani rumeni

12 Febbraio 2014 12:21, di Ornella Fulco
visite 675

Stavano uscendo di soppiatto da una villetta, ubicata nella zona del Lido Signorino di Marsala, portando la refurtiva su una carriola ma sono stati no...

Stavano uscendo di soppiatto da una villetta, ubicata nella zona del Lido Signorino di Marsala, portando la refurtiva su una carriola ma sono stati notati dai militari di una gazzella dei Carabinieri in servizio di perlustrazione. Uno dei due ladri, Vladut Ionut Ungurianu, 20 anni, di nazionalità rumena, è stato bloccato mentre il secondo è riuscito, in un primo tempo, a dileguarsi nelle campagne circostanti. I due si erano impadroniti di un motore fuoribordo per gommone del valore di parecchie migliaia di euro. Addosso ad Ungurianu sono stati ritrovati una torcia elettrica e vari arnesi da scasso con i quali era stato forzato il cancello d’ingresso dell’abitazione. Il malvivente, inoltre, indossava un passamontagna e un paio di guanti impregnati del gasolio fuoriuscito dal motore. Le ricerche del complice, che hanno coinvolto anche le pattuglie delle Stazioni di Ciavolo e Petrosino, hanno consentito di rinvenire, poco distante dall'abitazione estiva presa di mira, l’auto utilizzata dai due uomini. Proprio gli accertamenti sul mezzo e sui documenti rinvenuti nell’abitacolo hanno permesso ai Carabinieri di risalire all’identità del secondo ladro. Gabriel Ciubotaru, 28 anni, anch'egli di nazionalità rumena, è stato rintracciato poco dopo mentre, a piedi, cercava di raggiungere la propria abitazione. Per i due sono scattate le manette per il furto aggravato in concorso e venivano ristretti nelle camere di sicurezza di Villa Araba in attesa. dopo la convalida dell'arresto da parte del Tribunale di Marsala, per loro è stato disposto l’obbligo di presentazione tre volte a settimana presso la Stazione Carabinieri. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie