Trapani Oggi

Guidare in sicurezza, 4 cose da verificare - Trapani Oggi

Attualità

Guidare in sicurezza, 4 cose da verificare

03 Gennaio 2019 13:52, di staffPA
visite 965

Per chi vuole guidare in tutta sicurezza, è bene che durante il corso dell’anno segua una serie di norme per mantenere in perfette condiz

Per chi vuole guidare in tutta sicurezza, è bene che durante il corso dell’anno segua una serie di norme per mantenere in perfette condizioni la propria vettura. La manutenzione, che dovrebbe essere eseguita in base a una serie di chilometri percorsi stabiliti dalla casa di produzione della vettura, è una prassi che molti automobilisti spesso si dimenticano di eseguire.

1. Verificare lo stato di usura dei pneumatici
Anche se è una frase che potreste aver sentito molte volte, i pneumatici sono il mezzo di connessone principale tra la vettura vera e propria e il fondo stradale su cui sta viaggiando. Per guidare in piena sicurezza, è sempre bene verificare lo stato di usura del battistrada e la pressione. Questi due fattori, possono giocare una parte importante nella sicurezza generale del proprio mezzo.
Queste due semplici e veloci verifiche, andrebbero eseguite con cadenza mensile, per garantire sempre delle ottime performance di guida. Una pressione sbagliata o una eccessiva usura, possono far perdere al pneumatico la sua aderenza con il fondo stradale e rendere il tempo di frenata del mezzo maggiore.
Come ci confermano i professionisti di Oponeo.it, uno dei negozi online migliori per chi vuole acquistare pneumatici con un ottimo rapporto qualità/prezzo, lo stato di usura dei pneumatici è uno dei fattori più determinanti nelle cause di incidente nei centri abitati. Una maggiore usura, comporta tempi di frenata più lunghi. Cosa, che può determinare situazioni di pericolo e la possibilità di essere coinvolti in incidenti e/o tamponamenti.
2. Verificare l’apparato frenante della vettura
I dischi, le pastiglie e il liquido dei freni sono la parte principale per ridurre la velocità della vettura. Una volta che ci si ritrova con un impianto non del tutto in perfette condizioni, si potrò verificare che il tempo per fermarsi è maggiore del normale. Questo fatto, se trascurato, può portare un automobilista ad incorrere in situazioni pericolose per se stesso e per le persone che viaggiano a bordo dello stesso mezzo.
Almeno una volta l’anno, è opportuno recarsi presso una autofficina per eseguire un controllo completo di tutto il sistema frenante dell’autovettura.
3. Verificare lo stato di usura delle sospensioni
Un fondo stradale non propriamente perfetto, può essere un potenziale pericolo per ogni automobilista. In questo caso, le sospensioni giocano un ruolo importante nella tenuta di strada e nei tempi di fermata del veicolo. Inoltre, le sospensioni condizionano notevolmente la risposta del veicolo durante la guida; in particolare nei momenti in cui si compiono delle manovre brusche o molto repentine.
4. Tergicristalli e liquido detergente
Anche se questo può sembrare un consiglio poco utile, l’apparato che si occupa di tenere pulita la zona del parabrezza è molto importante. Poiché questa vera e propria “finestra”, è da dove noi vediamo la strada e riusciamo a guida. Se il tergicristallo risulta essere sporco, e non si ha la possibilità di pulirlo nel migliore dei modi, non si può procedere in tutta sicurezza nel proprio viaggio.
Non è possibile mettere allo stesso livello lo stato di manutenzione del tergicristallo con quello di freni, pneumatici e sospensione, ma è una parte allo stesso importante per guidare in sicurezza la propria vettura. È un compito di manutenzione relativamente semplice, ma che allo stesso tempo può evitare situazioni alquanto pericolose.In una situazione di pericolo, se la propria vettura è in grado di rispondere nel migliore dei modi, si avrà la sicurezza di poter scansare o limitare le possibilità di creare o essere coinvolti in un incidente. Se non ci si ricorda di eseguire una corretta manutenzione alla propria vettura, anche una situazione di leggero pericolo può diventare un grosso problema per la propria salute.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie