Trapani Oggi

Il Beato Rosario Livatino verrà ricordato il 29 ottobre. - Trapani Oggi

Attualità

Il Beato Rosario Livatino verrà ricordato il 29 ottobre.

09 Maggio 2021 15:10, di Redazione
visite 1156

Papa Francesco: "Il suo esempio sia per tutti"

"Accogliendo il desiderio del cardinale Montenegro, concediamo che il venerabile servo di dio Angelo Rosario Livatino d'ora in poi sia chiamato beato e che, ogni anno, si possa celebrare la sua festa il 29 ottobre". È con queste parole che stamane il giudice Rosario Livatino è stato proclamato Beato, nel corso di una cerimonia solenne celebrata nella cattedrale di Agrigento. A quel punto tutte le campane hanno suonato a festa. In contemporanea il reliquario dove è contenuta la camicia indossata dal beato il giorno in cui venne ucciso dalla mafia è stato collocato in una teca della cattedrale. Si tratta di un reliquiario realizzato in argento martellato e cesellato. Livatino è il primo magistrato ad essere elevato dalla Chiesa "Beato".

La cerimonia, officiata dal cardinale Marcello Semeraro, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, si è svolta in una Agrigento blindata. Presenti autorità civili e militari: tra gli altri, il presidente della corte d'appello di Palermo Matteo Frasca, il procuratore generale di Caltanissetta Lia Sava, il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio e il cardinale di Agrigento Francesco Montenegro.

Il magistrato è stato ricordato anche da Papa Francesco al Regina Caeli: "Oggi ad Agrigento è stato beatificato Rosario Angelo Livatino, martire della giustizia e della fede nel suo servizio alla collettività come giudice integerrimo che non si è lasciato mai corrompere. Si è sforzato di giudicare non per condannare ma per redimere. Il suo lavoro lo poneva sempre sotto la tutela di Dio, per questo è diventato testimone del Vangelo, fino alla morte eroica. Il suo esempio sia per tutti, specialmente per i magistrati, stimolo a essere leali difensori della legalità e della libertà".

Livatino, Musumeci: "Modello di vita per i giovani per costruire una nuova Sicilia"

"Credo sia un giorno di festa per tutta la Sicilia, e non soltanto per noi siciliani, perché la Chiesa riconosce beato un magistrato che ha saputo conciliare il Vangelo col valore del Codice penale, la parola di Cristo con la legge. E proprio per questo ha pagato con la vita, perché costituiva un esempio molto pericoloso per le organizzazioni criminali. Per questo la mafia ha voluto eliminarlo. Io credo che debba essere indicato come modello di vita, paradigma per tutti i giovani con i quali abbiamo il dovere di costruire, e stiamo costruendo, una nuova Sicilia". Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, a margine della cerimonia di beatificazione del giudice Rosario Livatino, assassinato dalla mafia 31 anni fa. 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie