Trapani Oggi
Trapani Oggi

Martedì, 19 Novembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Il Liceo "Buonarroti" si confronta con la città - Trapani Oggi

0 Commenti

7

1

1

3

1

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Il Liceo "Buonarroti" si confronta con la città

09 Maggio 2014 20:10, di Ornella Fulco
Il Liceo "Buonarroti" si confronta con la città
Attualità
visite 310

Ha preso il via oggi, e durerà fino a domenica prossima, nella chiesa di Sant'Alberto in via Garibaldi, una mostra in più sezioni a cura del Liceo Artistico "Buonarroti" di Trapani. In particolare, sono impegnati nel progetto dal titolo "Il Liceo Artistico “Michelangelo Buonarroti” di Trapani si confronta con la città” gli alunni delle quarte classi, sezioni A e B, seguiti dalle docenti Maria Pia Adamo e Graziella Ingrassia. Dal quartiere Casalicchio, primo nucleo abitativo della città di Trapani, è stata svolta un’indagine per avvicinare gli studenti alla storia della città e di questo quartiere nel cui cuore, la via Giudecca, sorgeva il ghetto degli Ebrei. Proprio la antica via è stata rivisitata dagli studenti che ne hanno fatto una lettura secondo le proprie peculiarità di studio. Gli approcci sono stati, infatti, di tipo figurativo per la quarta A e di tipo tecnico per la classe quarta B. Attraverso foto, rilievi, sopralluoghi e indagini storiche sono stati sviluppati degli elaborati. “Quartiere Casalicchio…dimenticato?” è il titolo che è stato dato alla sezione che raccoglie gli elaborati grafici del tessuto urbano di questo quartiere, oggi moribondo ma, neppure un secolo fa, pulsante di vita, fatto di un dedalo di stradine, con al piano terra botteghe artigiane, magazzini, oltre agli affacci di piccoli cortili, un tempo spazi privati appartenenti ad abitazioni, che erano espressione di un’edilizia povera e popolare di matrice culturale islamica. “Ieri, oggi…e domani?”, invece, è la sezione che raccoglie immagini fotografiche della Trapani del passato messe a confronto con quelle della Trapani di oggi per interrogarsi sul futuro. A sostegno di questa riflessione sono stati riportati su ogni tavola di fotografie aforismi tratti da pubblicazioni riguardanti la città in generale e il suo divenire. Con “Riapriamo le porte”, la mostra di elaborati pittorici e altro ispirati prevalentemente al quartiere Casalicchio, utilizza la via Giudecca come luogo espositivo. Apponendo le opere degli alunni sugli usci, murati o chiusi, di edifici ormai da qualche tempo inutilizzati, si auspica un ritorno alla vita di questo quartiere abitato un tempo da un popolo operoso e schietto. Contestualmente, domani, dalle 17, sarà visitabile, la via Giudecca e piazzetta Catito, un’installazione dal titolo “Ritrovare la strada”. Il titolo riporta alla mente la fiaba di Pollicino che per ritrovare la strada la segna con dei sassolini. In questo caso, invece, ci saranno il cibo e gli oggetti utili alla sua preparazione, disposti sulla strada, lungo una linea che, partendo da via Giudecca, arriva a piazza Catito dove si avvolge a spirale attorno al palo disposto al centro della piazzetta. Per realizzare l'installazione, gli organizzatori chiedono anche la collaborazione dei cittadini: è possibile, infatti, portare, a partire dalle ore 15, oggetti da cucina come colini, mestoli, pentolini, spremiagrumi, ma anche ortaggi, frutta e piccoli quantitativi di pasta che saranno disposti sulla strada. L’uso del cibo e degli oggetti per prepararlo o contenerlo, riporta a "Cuscusu”, la rassegna enogastronomica attualmente in corso di svolgimento in città, mentre la linea tracciata da questi materiali rimanda a un percorso che avanza verso il futuro. "La spirale - spiegano ancora le due docenti del Liceo artistico - è il simbolo di evoluzione e di crescita che si contrappone alla morte, chiaro riferimento alla situazione attuale del quartiere Casalicchio". Per concludere questo percorso di riflessione, il prossimo 15 maggio, alle ore 18, a palazzo San Rocco, si svolgerà una tavola rotonda dal titolo “Non di solo pane...” alla quale parteciperanno esponenti del mondo culturale trapanese.

© Riproduzione riservata

Commenti
Il Liceo "Buonarroti" si confronta con la città
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie