Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 04 Marzo 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Il vice presidente Ars Venturino: “La proroga ai precari una presa in giro” - Trapani Oggi

0 Commenti

3

2

3

1

0

Testo

Stampa

Politica
Mazara del Vallo

Il vice presidente Ars Venturino: “La proroga ai precari una presa in giro”

18 Febbraio 2014 13:06, di Niki Mazara
Il vice presidente Ars Venturino: “La proroga ai precari una presa in giro”
Politica
visite 316

Intervenendo ad un incontro svoltosi a Mazara del Vallo il vice presidente dell’Ars Antonio Venturino, che ha dato inizio ad una serie di incontri volti a fare il punto sul tema del precariato negli Enti Locali in Sicilia incontrando centinaia di lavoratori ha detto: “La legge votata all’Assemblea Regionale non solo non è una soluzione per i precari degli Enti Locali, ma non è nemmeno una soluzione tampone. La proroga triennale dei rapporti di lavoro per i precari non è affatto scontata per tutti, dato che possono prorogare per tre anni i contratti a tempo determinato, soltanto quegli Enti Locali che inseriranno i precari all’interno di un processo di stabilizzazione. Ciò significa che la prospettiva potrà difficilmente essere applicata dalla maggioranza delle amministrazioni siciliane per una serie di motivi, come il rispetto del patto di stabilità interno, la dotazione organica, il fabbisogno triennale del personale e la disponibilità finanziaria degli Enti”. Venturino, che è accompagnato dall’esperto di diritto del lavoro Gaetano Aiello, ha esposto le motivazioni che hanno portato alla stesura dei ddl che propongono una soluzione organica e tempestiva alla vertenza, attraverso la creazione di un ruolo unico regionale ad esaurimento e di un ruolo sovranumerario dove inserire i precari che rimangono fuori dalle dotazioni organiche ad invarianza di spesa. “L’invarianza di spesa – conclude Venturino – è suggerita dal semplice fatto che ogni anno la Regione Siciliana comunque trova le risorse per garantire l’ennesima proroga. Vogliamo che queste risorse invece vengano erogate agli Enti in maniera ordinaria e non eccezionale, attraverso un’integrazione finanziaria del fondo per le Autonomie che ogni anno la Regione eroga agli Enti Locali ”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings