Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 08 Marzo 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Importazioni olio dalla Tunisia, Corrao (M5S): "Agricoltori traditi" - Trapani Oggi

0 Commenti

4

0

1

1

0

Testo

Stampa

Politica
#Bruxelles

Importazioni olio dalla Tunisia, Corrao (M5S): "Agricoltori traditi"

10 Marzo 2016 19:53, di Niki Mazara
Importazioni olio dalla Tunisia, Corrao (M5S): "Agricoltori traditi"
Politica
visite 338

“Quello andato in scena oggi in Parlamento Europeo è l’ennesimo atto di tradimento dei rappresentanti politici italiani nei confronti dei propri cittadini”. Commenta così l’europarlamentare M5S Ignazio Corrao il via libera,votato a Starsburgo, all’ingresso, senza dazi doganali, di 35 mila tonnellate di olio tunisino all’anno in Europa. Il provvedimento vale per il 2016 e per il 2017. “Abbiamo provato in tutti i modi a stoppare il provvedimento che porta la firma dell’alto rappresentante Federica Mogherini, longa manus di Renzi in Europa – aggiunge Corrao - ma evidentemente gli interessi che difendono i signori della maggioranza, sono diversi rispetto a quelli dei cittadini. 500 favorevoli, 107 contrari e 42 astenuti. Tra i 500 voti favorevoli ovviamente ci sono quelli degli europarlamentari italiani del PD. Il provvedimento è stato voluto dal Governo targato Matteo Renzi ed avallato dai parlamentari del Partito Democratico. Gli stessi che poi vanno nei territori a parlare di tutele dell’agricoltura e sbandierare i mirabolanti numeri del PSR 2014-2020 così come avviene in Sicilia, dove il novello assessore Cracolici, insieme ad una europarlamentare del PD lanciano numeri e fanno disinformazione. Ovviamente il modo migliore di reagire all’imbarazzo di appartenere al gruppo politico che affossa il settore dell’agricoltura va bilanciato con una dose di mistificazioni dei fatti. Cracolici e soci, infatti, durante questi incontri nelle città siciliane, addossano alla burocrazia europea la colpa del mancato utilizzo delle risorse del PSR 2007/2013, quando invece tutti sanno che l’Autorità di gestione dei fondi UE è la Regione siciliana e che negli ultimi 3 anni questo ruolo è stato ricoperto dal governo di cui Cracolici è esponente. Morale, figure istituzionali come il ministro Martina, l’assessore o, peggio ancora dipendenti della Commissione europea, si prestano a partecipare a tristi teatrini politici che andavano di moda negli anni '70. Oltre al danno (risorse PSR e UE finiti in mano alla mafia, mai arrivati a potenziali beneficiari e sperperati per eventi, sagre e loghi da migliaia di euro), il settore agricolo siciliano è costretto a subire anche la beffa, infatti, almeno per altri 2 anni – conclude Corrao - la gestione dei nuovi fondi sarà nelle mani di chi ha creato, alimentato e non risolto i problemi dell’agricoltura siciliana”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings