Trapani Oggi

Individuati i presunti responsabili di due rapine avvenute nel 2015 - Trapani Oggi

Marsala | Cronaca

Individuati i presunti responsabili di due rapine avvenute nel 2015

14 Gennaio 2017 13:39, di Redazione
visite 989

Individuati dagli uomini del locale Commissariato di Polizia gli autori di due rapine, avvenute nel 2015, ai danni della gioielleria "D'Angelo" e del ...

Individuati dagli uomini del locale Commissariato di Polizia gli autori di due rapine, avvenute nel 2015, ai danni della gioielleria "D'Angelo" e del mobilificio "Mistretta". Si tratterebbe dei pregiudicati marsalesi Andrea Nizza e Giovanni Parrinello, rispettivamente di 29 e 34 anni. Ieri i poliziotti hanno eseguito nei loro confronti la misura cautelare della custodia in carcere emessa dal gip del Tribunale di Marsala. La rapina alla piccola gioielleria di piazza della Loggia fu commessa il 19 novembre del 2015, quando due uomini, con il volto solo parzialmente nascosto, dopo essere entrati nell'esercizio commerciale dove si trovavano il titolare e la commessa, con violenza e minacce li avevano costretti a consegnare i preziosi esposti in una vetrina. Dopo aver picchiato il gioielliere, che aveva riportato una grave lussazione alla mandibola, i rapinatori avevano chiuso i due malcapitati nel bagno, e si erano dileguati. La rapina al mobilificio "Mistretta" era avvenuta nel mese di dicembre: due uomini, impugnando una pistola giocattolo e un coltello, si erano introdotti all'interno del negozio e, dopo aver minacciato e picchiato il titolare, si erano fatti aprire la cassaforte e si erano impossessati di un'ingente somma di denaro. L'uomo era stato scaraventato a terra e preso a pugni e a calci che gli avevano procurato un trauma cranico e ferite lacero contuse al naso e alla mano sinistra. Ad incastrare i due rapinatori sono state le immagini ricavate da alcuni impianti di sorveglianza che hanno consentito di comparare le sagome degli individui ripresi con le caratteristiche fisiche di Nizza e Parrinello attribuendo loro la responsabilità delle rapine. Su Nizza e Parrinello gravano numerosi precedenti giudiziari e di polizia, tra i quali il tentato furto ai danni di un "compro oro" di Marsala mentre Andrea Nizza è stato condannato a dieci anni di reclusione per il tentato omicidio, avvenuto nel 2011, ai danni di un uomo, colpito con sei colpi di arma da fuoco. La misura cautelare è stata notificata in carcere anche a Giovanni Parrinello che si trova attualmente ospite della Casa circondariale di Trapani per altri reati. Il 34enne aveva commesso la prima delle rapine contestategli mentre si trovava in permesso e la seconda dopo essere evaso dalla Casa circondariale di Castelvetrano ed era stato poi arrestato insieme a Nizza e ad un terzo complice mentre tentava il furto al "compro oro".

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie