Trapani Oggi

Informazione locale, Criscenti replica al segretario di Assostampa - Trapani Oggi

Trapani | Attualità

Informazione locale, Criscenti replica al segretario di Assostampa

06 Febbraio 2016 09:01, di Niki Mazzara
visite 438

Dopo la nota diffusa ieri dal segretario provinciale di Assostampa, Giovanni Ingoglia, riceviamo la replica del giornalista Gianfranco Criscenti che p...

Dopo la nota diffusa ieri dal segretario provinciale di Assostampa, Giovanni Ingoglia, riceviamo la replica del giornalista Gianfranco Criscenti che pubblichiamo integralmente. "Avverto il dovere di intervenire su un passaggio contenuto nella nota diffusa il 4 febbraio 2015 dal segretario dell’Assostampa di Trapani, Giovanni Ingoglia, che mi riguarda personalmente. Il collega, riferendosi a “una lunga deriva” che “caratterizza e travolge l’informazione in città e in provincia negli ultimi tempi” scrive, tra l’altro, che ’I casi accaduti sono molteplici. A partire dalla vicenda dell’ex vescovo di Trapani, Francesco Miccichè, che fece registrare sulla stampa più scontri di opinioni tra i colleghi che l’essenza dell’autentica gravità dei fatti per i lettori'. Non si è trattato di uno scontro di opinioni: nell’autunno del 2010, da direttore responsabile del periodico “L’Isola”, ho autorizzato la pubblicazione di un’inchiesta giornalistica, a firma di Giuseppe Pipitone, dal titolo “Curia Spa”. Con Pipitone, per quell’inchiesta e per gli articoli successivi, ho subito uno stillicidio di attacchi. Alcuni colleghi, scrivendo su testate regionali e nazionali, hanno cercato di smontare la nostra inchiesta, lasciando intendere che fossimo dei visionari o, peggio, dei complottisti. Negli ultimi mesi c’è stata una svolta nelle indagini della Procura di Trapani sul caso Curia; svolta che conferma il lavoro corretto de “L’Isola”. Ed è un fatto noto a tutti che il vescovo, Francesco Miccichè, oggi indagato per malversazione di fondi pubblici, appropriazione indebita e calunnia aggravata e continuata, sia stato rimosso tre anni fa dal Pontefice. Non dunque uno scontro di opinioni, bensì un attacco, duro, nei confronti di due giornalisti (il sottoscritto e Pipitone) che hanno scelto di non fermarsi dinanzi ad uno scandalo che ha coinvolto un potere forte come la Chiesa".

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie