Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 25 Novembre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Iniziato il processo per la morte di Lorenz Renda - Trapani Oggi

0 Commenti

4

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca
Trapani

Iniziato il processo per la morte di Lorenz Renda

01 Aprile 2015 16:23, di Ornella Fulco
Iniziato il processo per la morte di Lorenz Renda
Cronaca
visite 263

Ha preso il via stamane, davanti alla Corte d’Assise di Trapani, il processo a carico di Aminta Altamirano Guerrero, la 34enne messicana accusata di avere ucciso il figlioletto Lorenz Renda, somministrandogli una overdose dell'antidepressivo che le era stato prescritto. La donna, dopo la separazione dal marito, che si era poi trasferito a lavorare in Germania, era rimasta da sola ad Alcamo con il bambino. ”Proveremo, al di là di ogni ragionevole dubbio, che l’imputata si è resa responsabile dell’omicidio del figlio”, ha detto il pubblico ministero Sara Morri stamane. Secondo l'accusa, Aminta Altamirano Guerrero ha agito con premeditazione. L'accusa, infatti, è di omicidio volontario premeditato con l'aggravante di aver ucciso un discendente. In sede di richieste di prova la pm ha chiesto di chiamare a deporre amici e conoscenti a cui la donna avrebbe confidato a suo tempo l’intenzione di togliersi la vita. Testimonieranno anche medici e psicologi che l'avevano in cura. Alla Corte è stato anche chiesto di disporre la trascrizione di alcuni colloqui dell'imputata avvenuti all'interno della Casa circondariale di Trapani, in cui la cittadina messicana si trova in custodia cautelare dal giorno del suo arresto, intercettati dagli investigatori. Secondo l'avvocato difensore, Baldassare Lauria, sarà invece possibile provare la completa estraneità della sua assistita al fatto che le viene addebitato. "Ci sono elementi - commenta il legale - a sostegno dell'assunzione autonoma del farmaco da parte del  bambino  che avrebbe eluso la sorveglianza della madre. La prossima udienza è stata fissata per il prossimo 13 aprile con le audizioni dei primi testimoni.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings