Trapani Oggi

Interruzioni gravidanza, l'UDI: "L'Asp si è impegnata a garantire servizio" - Trapani Oggi

Trapani | Attualità

Interruzioni gravidanza, l'UDI: "L'Asp si è impegnata a garantire servizio"

16 Giugno 2016 18:03, di Niki Mazzara
visite 702

Anche la sezione trapanese "Franca Rame" dell'UDI interviene sulla vicenda riguardante il pensionamento dell'unico medico non obiettore di coscienza p...

Anche la sezione trapanese "Franca Rame" dell'UDI interviene sulla vicenda riguardante il pensionamento dell'unico medico non obiettore di coscienza per le interruzioni volontarie di gravidanza all'ospedale "Sant'Antonio Abate" di Trapani. "Lo scorso maggio - scrive la presidente Valentina Colli - è andato in quiescenza il primario di Ostetricia e Ginecologia, unico ospedaliero non obiettore di coscienza: il suo operato finora particolarmente prezioso nell'attuazione della legge 194 per le interruzioni volontarie di gravidanza in quanto ha introdotto l'utilizzo del farmacologico e del chirurgico post 90 giorni. Come UDI Trapani, avendo ricevuto notizia del pensionamento, ci siamo immediatamente interessate affinché questo importante servizio, a favore delle donne e del rispetto della loro salute e del loro principio di autodeterminazione, continuasse ad essere erogato. Insieme alla parlamentare regionale Antonella Milazzo, da noi immediatamente sollecitata, abbiamo incontrato il direttore sanitario dell'Asp Antonio Siragusa, ed abbiamo posto alla sua attenzione il problema". Siragusa si è impegnato - riferisce Colli - a garantire il servizio di Igv, sia farmacologico sia chirurgico e post 90 giorni come previsto dalla legge. "Contestualmente - prosegue la rappresentante dell'UDI - abbiamo chiesto che venisse rafforzato il servizio, tenendo sotto controllo lo sproporzionato numero di obiettori di coscienza di cui, purtroppo, la Sicilia conta un triste primato: un problema culturale e gestionale che, confidiamo, potrà essere col tempo rimodulato con la collaborazione delle Istituzioni preposte". Dal mese di maggio ad oggi non vi sono state richieste di interruzione di gravidanza per cui il disservizio, al momento, è stato contenuto.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie