Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 14 Giugno 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Ipab a rischio dissesto. - Trapani Oggi

0 Commenti

3

1

0

3

2

Testo

Stampa

Politica
Trapani

Ipab a rischio dissesto.

09 Novembre 2009 18:36, di Niki Mazara
Ipab a rischio dissesto.
Politica
visite 320

Palermo, 9 novembre 2009 - Molti Ipab (Istituto di Pubblica Assistenza e Beneficenza) siciliani sono a rischio dissesto. La progressiva riduzione dei trasferimenti regionali e il peso degli indebitamenti con i fornitori e per il pagamento degli stipendi agli operatori mettono a rischio la continuità del servizio. La situazione più difficile – riscontrata dallo stesso assessorato - si registra in provincia di Trapani dove ci sono Ipab con debiti che superano il milione di euro. Questa condizione è stata esaminata nel corso di un vertice svoltosi a Palermo nella sede dell’assessorato regionale alla Famiglia ed al quale hanno partecipato, oltre a numerosi amministratori di Ipab, l’assessore regionale alla Famiglia Caterina Chinnici e il Vice Presidente della Commissione Sanità all’Ars Giuseppe Lo Giudice.L’elemento di novità è che il Governo, nella sessione d’aula all’Ars dedicata alla discussione e votazione della legge finanziaria, presenterà un provvedimento per lo stanziamento di nuovi fondi per gli Ipab che, come ha spiegato l’assessore Chinnici, il Governo non intende affatto cancellare. L’assessore, dopo avere ascoltato dagli amministratori le criticità gestionali legate i minori trasferimenti e ai ritardi nella loro erogazione, ha anche annunciato che prima di portare il provvedimento in aula lo sottoporrà agli amministratori degli Istituti per eventuali integrazioni o modifiche.«Eliminare sprechi e rimuovere chi non sa amministrare – ha detto il Vice Presidente della Commissione Sanità all’Ars Giuseppe Lo Giudice - ma salvaguardare la loro insostituibile funzione sociale. Gli Ipab, se conservano la loro originaria funzione e non diventano strumento di potere politico, costituiscono un pilastro dello stato sociale. Conforta in tal senso la soluzione prospettata dall’assessore»

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings