Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 21 Aprile 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Irruzione fascista telematica interrompe conferenza Pd - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca
Trapani

Irruzione fascista telematica interrompe conferenza Pd

05 Dicembre 2020 13:52, di Redazione
Irruzione fascista telematica interrompe conferenza Pd
Cronaca
visite 472

Si sono intromessi in una conferenza stampa da remoto organizzata dal Pd e ne hanno interrotto i lavori.Si tratta di un gruppo di pirati telematici di chiara ispirazione fasscista che ieri ha fatto irruzione elettronica nel mezzo di una conferenza, via wen,  organizzata dalla corrente del PD “ Base Riformista”  avente per tema: “ Sanita, Economia, Legalità”, aperta a tutte le forze politiche, sociali ed economiche.
Un episodio stigmatizzato dalla sezione Anpi di Trapamni che in un comunicato stampa sottolineano come " le squadracce neofasciste, epigone di quelle tristemente note del ventennio, tengono a far sapere che esistono, con la stessa violenza anche se con forme diverse che rispondono ai tempi. Nascosti vigliaccamente da maschere hanno interrotto la “padrona di casa”, avv. Valentina Villabuona durante la sua relazione, mettendo in atto tutto il loro armamentario fatto di violenza, di musiche e canti fascisti, saluti fascisti, insulti sessisti e, per essere più chiari, armati di bastoni, martelli, chiarivano ben il significato di quella irruzione
L’ANPI, associazione nazionale partigiani d’Italia, che era presente alla conferenza con un suo dirigente, nel dare la sua solidarietà in particolare all’avv. Villabuona, fatta oggetto degli insulti volgari sessisti, pone l’allarme sul ripetersi in questa provincia di episodi di violenza fascista; ieri contro gli immigrati, come a Marsala, picchiati selvaggiamente, oggi anche in forme diverse come l’utilizzo dell’elettronica. E’ sempre e solo violenza fascista che va denunciata con forza, individuata e perseguita dalle forze dell’ordine alle quali compete il compito di far rispettare i principi della costituzione italiana che è antifascista e delle leggi che vietano “la riorganizzazione sotto qualsiasi forma  del disciolto partito fascista”. 

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings