Trapani Oggi

La Procura chiede 10 anni per Vito Nicastri. Finanziò la latitanza di Messina Denaro. - Trapani Oggi

Palermo | Cronaca

La Procura chiede 10 anni per Vito Nicastri. Finanziò la latitanza di Messina Denaro.

19 Maggio 2023 15:39, di Redazione
visite 1035

Soprannominato il re dell'eolico, l'imprenditore alcamese era stato condannato dal gup, in abbreviato, a 9 anni di carcere

La procura generale di Palermo ha chiesto la condanna a 10 anni e 8 mesi per concorso esterno in associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni dell’imprenditore di Alcamo, soprannominato il re dell'eolico, Vito Nicastri, ritenuto tra i finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro, e 12 anni per Melchiorre Leone, accusato di estorsione aggravata.

Nicastri era stato condannato dal gup, in abbreviato, a 9 anni di carcere al termine di una inchiesta coordinata dal pm della Dda Gianluca De Leo. La sentenza venne ribaltata in appello e l’imprenditore fu assolto dall’accusa di concorso esterno e condannato solo per l'intestazione fittizia a 4 anni e 3 mesi. La Cassazione, però, annullò con rinvio la sentenza e dispose il nuovo processo di appello che è in corso.

Il nome di Nicastri emerse anche nell’ambito di una inchiesta che coinvolse il suo socio, il faccendiere ex consulente della Lega, Francesco Paolo Arata, indagato per corruzione. L’indagine, coordinata dalla Dda di Palermo, svelò un giro di mazzette alla Regione Siciliana finalizzate ad agevolazioni nelle pratiche relative agli investimenti nelle energie rinnovabili. Per questa procedimento Nicastri ha patteggiato una condanna a 2 anni e 8 mesi, mentre Arata è ancora sotto processo.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie