Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 08 Luglio 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

La Regione avvia test sierologici all'interno delle carceri - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca

La Regione avvia test sierologici all'interno delle carceri

17 Aprile 2020 09:10, di Redazione
La Regione avvia test sierologici all'interno delle carceri
Cronaca
visite 446

“Dopo le nostre sollecitazioni il Governo Regionale di Nello Musumeci e l’Assessore Regionale della Salute Ruggero Razza hanno preso a cuore la salute di lavoratori della Polizia Penitenziaria, delle Funzioni Centrali e dei detenuti, predisponendo una circolare per l’avvio dei test sierologici nell’ambito dello screening epidemiologico sul Covid-19 all’interno della carceri siciliane. Siamo davvero grati per l’efficacia e l’efficienza". A parlare sono i segretari Generali dei sindacati della Polizia Penitenziaria in Sicilia (SAPPE Navarra – OSAPP Quattrocchi – UILPA Polizia Penitenziaria Veneziano- FNS/CISL Ballotta – FSA/CNPP Spinelli) della Regione Sicilia.“Ancora una volta abbiamo dovuto sopperire alle inefficienze del Provveditorato - incalzano i
rappresentati dei Poliziotti Penitenziari Siciliani - quindi significa che la Cabina di regia sarà affidata ai Prefetti come richiesto dalle sigle scriventi, che è stata recepita come unica idea percorribile a causa dell’inefficacia dimostrata dai nostri vertici regionali dell’Amministrazione Penitenziaria che in prima battuta avevano addirittura scartato l’ipotesi dei test ora previsti dalla regione Sicilia".
“Il grazie della Polizia Penitenziaria a Nello Musumeci e a Ruggero Razza - concludono i
leader dei sindacati di Polizia Penitenziaria SAPPE, OSAPP,UIL, CISL, CNPP – sarà inviato
tramite collegamento in videoconferenza,  perché è giusto dare merito a chi dopo appena un paio di giorni dalle nostre segnalazioni si è attivato per dare certezza e sicurezza chi opera realmente nelle trincee penitenziarie come i Poliziotti Penitenzari, a dispetto di chi vive in poltrone di pelle e stanza ovattate dal possibile contagio dal Coronavirus. Infine, un ringraziamento alle strutture sanitarie private accreditate e agli Ordini provinciali dei medici e degli odontoiatri, all'Anci Sicilia".

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings