meteo Trapani 16.5°
Trapani Oggi
Trapani Oggi

Venerdì, 18 Gennaio 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

L'arancina è "fimmina": a Santa Lucia una irrinunciabile tradizione assieme alla "cuccia" [ Video e Foto] - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

1

3

Testo

Stampa

Hab

L'arancina è "fimmina": a Santa Lucia una irrinunciabile tradizione assieme alla "cuccia" [ Video e Foto]

06 Dicembre 2018 21:43, di Eros Santoni
arancine siciliane
visite 1090

Martino Ragusa, scrittore e gastronomo agrigentino,  nella prima video-ricetta qui sotto, prepara le arancine siciliane seguendo la ricetta tradizionale del libro “Cucina siciliana di popolo e signori”.Con riso, ragù, uova, zafferano, burro, primosale, parmigiano, pane grattuggiato, farina 00, olio extra vergine di oliva, sale, nella seconda quella secondo il notissimo blog "Giallo Zafferano", a voi stabilire quale arancina preferire.

Per i piu pazienti che vorranno guardare anche la terza video-ricetta, FanPage ci propone la deliziosa ricetta dell'altrettanto tradizionale "Cuccia"Sempre in tema di tradizione siciliana, ecco una vecchia filastrocca sulla festa di Santa Lucia che celebra i sempre delizioso piatto a base di ceci, frumento e vino cotto.

Mi rissi me nanna, quann’era nica: “Ora ti cuntu ‘na storia antica”. ‘Ncapu li ammi mi fici assittari e araciu araciu si misi a cuntari: “Ci fu ‘na vota, a Siracusa ‘na caristìa troppu dannusa. Pani ‘un cinn’era e tanti famigghi ‘unn’arriniscìanu a sfamari li figghi.

Ma puru ‘mmenzu a la disperazioni nun ci mancava mai la devozioni e addumannavanu a Santa Lucia chi li sarvassi di la caristìa. Un beddu jornu arrivà di luntanu rintra lu portu siracusanu ‘na navi carrica di furmentu a liberalli ri ‘ddu tormentu.

Pi li cristiani la gioia fu tanta chi tutti griravanu “viva la Santa!” Picchì fu grazii a la so ‘ntercessioni ch’avìa arrivatu ‘dda binirizioni. Tutti accurrìanu a la marina, ma era furmentu, ‘unn’era farina e cu un pitittu ch’un facìa abbintari ‘un c’era tempu di iri a macinari.

Pi mettisi subitu ‘n’sarvamentu avìanu a cociri lu stessu furmentu e pi la forma “a coccia” ch’avìa accuminciaru a chiamalla “cuccìa”. La bona nova arrivà luntana e pi sta màrtiri siracusana fu accussì granni la venerazioni chi fici nasciri ‘na tradizioni.

Passà lu tempu di la caristìa e arristà l’usanza, pi Santa Lucia, di ‘un fari pani, di ‘un cociri pasta, e di manciari la cuccìa e basta. Ma lu sapemu, ci voli picca e l’usanza di scarsa addiventa ricca. A ognunu ci vinni la bedda pinzata di priparalla chiù elaborata.

Cu ci mittìa lu biancumanciari e cu vinu cottu ci vosi ‘mmiscari. Cu ci vulìa lu meli ri ficu e tanti atri cosi chi mancu ti ricu.

Ma je vulissi sapiri, a la fini, di runni spuntaru li beddi arancini? E m’addumànnu di quali manu nasceru panelli e risattianu”. E amentri chi me nanna si sfirniciàva, a mia lu stommacu mi murmuriava e mi ricordu chi ci avissi rittu: “nonnò, zittemuni ch’haiu pitittu!”


In ogni caso e secondo la vostra tradizione ed il vostro piatto preferito, vi auguriamo di trascorrere una splendida festa di Santa Lucia con i vostri cari.
 

© Riproduzione riservata

Loading the player...
Loading the player...
Loading the player...
Commenti
L'arancina è "fimmina": a Santa Lucia una irrinunciabile tradizione assieme alla "cuccia" [ Video e Foto]
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie