Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 19 Settembre 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Lavori pubblici e mazzette a Messina, coinvolto un funzionario Genio civile di Trapani - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca

Lavori pubblici e mazzette a Messina, coinvolto un funzionario Genio civile di Trapani

03 Marzo 2020 08:32, di Redazione
Lavori pubblici e mazzette a Messina, coinvolto un funzionario Genio civile di Trapani
Cronaca
visite 2044

Corruzione a Messina. Nell’operazione della Squadra mobile denominata “Ottavo cerchio” questa notte sono state eseguite undici misure cautelari, tre in carcere e otto ai domiciliari, siglate dal gip Maria Militello su richiesta della Procura retta da Maurizio De Lucia. Sono coinvolti anche un ingegnere del Comune e un funzionario del Genio Civile, entrambi in servizio a Messina, un ex assessore comunale di Messina e un funzionario del Genio Civile di Trapani. Al centro della vicenda alcuni lavori pubblici a Messina e Mazara del Vallo, oltre ad alcune gare in complessi condominiali gestiti da A.Ri.sMe., l’Agenzia per il risanamento di Messina.
La tipologia dei reati contestati va dalla corruzione al trasferimento fraudolento di valori, passando per l’accesso abusivo al sistema informatico.
Era un sistema di corruzione consolidato, al centro un paio di esponenti della criminalità organizzata di Messina, ovvero Antonino Bonaffini “Ninetta” e Marcello Tavilla, che s’era reinventato imprenditore edile e alcune volte si presentava perfino come “architetto”, e poi un noto imprenditore edile, Giuseppe Micali. Poi un corollario di funzionari pubblici e amministratori di condominio, che avrebbero incassato “mazzette” e altre utilità, perfino un’auto d’epoca, in cambio dei loro servigi.
Tra gli arrestati anche un autista in servizio in Procura, addetto all’accompagnamento dei magistrati che avrebbe informato Marcello Tavilla dei movimenti del procuratore aggiunto Vito Di Giorgio, e dandogli informazioni sullo stato delle indagini a suo carico.
Le accuse vanno dalla corruzione al trasferimento fraudolento di valori, passando per l’accesso abusivo al sistema informatico.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings