Trapani Oggi

Libia. Otto pescherecci di Mazara in acque a rischio, il Governo Italiano invita ad allontanarsi - Trapani Oggi

Mazara del Vallo | Cronaca

Libia. Otto pescherecci di Mazara in acque a rischio, il Governo Italiano invita ad allontanarsi

29 Aprile 2021 12:44, di Redazione
visite 1093

Ci sentiamo una categoria senza difese - commenta Santino Adamo, presidente Federpesca Mazara del Vallo

Nonostante il governo italiano abbia sconsigliato la permanenza, rivolgendo anche l'invito ad allontanarsi dalla 'zona a rischio', otto pescherecci di Mazara del Vallo si sono spostati al largo di Bengasi, in zone poco sicure. Le imbarcazioni sono concentrate in un’area relativamente ristretta a circa 35-40 miglia dalla costa della Libia, in attività di pesca. Altri tre pescherecci si trovano in atto a circa 6 miglia fuori dalla ZPP libica, sulla verticale di Misurata, anch’essi in attività di pesca.

I pescherecci in questione sono: 'Giuseppe Schiavone', 'Anna Madre', 'Fenice', 'Michele Giacalone', 'Aliseò, 'Nuovo Cosimo', 'Antonino Pellegrino', 'Luciano Giacalone' (quest’ultimo iscritto al registro navale di Napoli, anche se l’armatore è di Mazara del Vallo). I pescherecci si trovano tutt'ora in una zona a 40 miglia da Bengasi, in acque internazionali, ma che la Libia dal 2005 riconosce, unilateralmente, come propria zona esclusiva di pesca.

«Ci sentiamo una categoria senza difese - commenta Santino Adamo, presidente Federpesca Mazara del Vallo - Noi rivendichiamo il diritto storico di poter lavorare in quelle zone. Per i nostri pescherecci che praticano la pesca d’altura quelle acque internazionali sono pescose e i nostri equipaggi hanno la necessità di lavorare con serenità. Ci aspettiamo che il governo, piuttosto che sconsigliare di stare lì, difenda i nostri equipaggi che, legittimamente, sono lì per guadagnarsi da vivere».

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie