Trapani Oggi
Trapani Oggi

Venerdì, 13 Dicembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Mafia: condanne operazione "Anno Zero" - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

1

1

Testo

Stampa

Cronaca
Castelvetrano

Mafia: condanne operazione "Anno Zero"

11 Novembre 2019 19:00, di Laura Spanò
dia
Cronaca
visite 1389

Tredici tra boss, gregari, e favoreggiatori dei clan mafiosi del trapanese sono stati condannati dal gup di Palermo Cristina Lo Bue a oltre 150 anni di carcere. Si tratti di soggetti finiti in manette nel corso dell’operazione antimafia «Anno Zero» effettuata in sinergia dai carabinieri del comando provinciale, dagli agenti della Mobile, e dagli investigatori della Dia di Trapani. Una operazione che ha disarticolato i clan della provincia di Trapani e la «famiglia» della primula rossa Matteo Messina Denaro.Questi i nomi: Nicola Accardo, capomafia di Partanna detenuto al 41 bis, ha avuto 15 anni; 12 Antonino Triolo, 11 Calogero Guarino, 11 anni e 4 mesi Giuseppe Tilotta, 10 anni e 8 mesi Leonardo Milazzo, 11 anni e 4 mesi Paolo Buongiorno, 19 anni e 4 mesi Vincenzo La Cascia, capomafia del clan di Campobello di Mazara, anche lui al carcere duro. A 18 anni e 4 mesi è stato condannato anche l’altro boss di Campobello Raffaele Urso, pure lui al 41 bis, a 8 anni Andrea Valenti, a 12 Filippo dell’Aquila, a 8 Angelo Greco. Due anni e 6 mesi sono stati inflitti a Bartolomeo Tilotta accusato di favoreggiamento, tre anni e 4 mesi a Mario Tripoli.
L’accusa in aula era sostenuta dall’aggiunto Paolo Guido e dai pm Francesca Dessì, Geri Ferrara, Alessia Sinatra, Claudio Camilleri e Gianluca De Leo. Il processo si svolgeva in abbreviato. Gli imputati rispondevano, a vario titolo, di associazione mafiosa e favoreggiamento.
L'unico assolto, Giuseppe Rizzuto, rispondeva di favoreggiamento. Altre 17 persone, coinvolte nella stessa indagine, sono sotto processo in ordinario: tra loro il cognato di Matteo Messina Denaro, Gaspare Como. Secondo l’accusa, Como sarebbe stato designato dal cognato, per un certo periodo, quale "reggente" del mandamento di Castelvetrano.
Nell’inchiesta, è emerso, tra l’altro, l’interesse del clan anche nel settore delle scommesse online, oltre ai reati di estorsione e danneggiamenti.

© Riproduzione riservata

Commenti
Mafia: condanne operazione "Anno Zero"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie