Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 17 Maggio 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Merli domina la Monte Erice ed abbatte il muro dei 6 minuti - Trapani Oggi

0 Commenti

4

0

0

2

2

Testo

Stampa

Sport
Trapani

Merli domina la Monte Erice ed abbatte il muro dei 6 minuti

27 Aprile 2014 18:04, di Niki Mazara
Merli domina la Monte Erice ed abbatte il muro dei 6 minuti
Sport
visite 496

Christian Merli domina la Monte Erice, gara organizzata dall’Automobile Club Trapani, e conquista la prima prova del campionato italiano velocità della montagna. Il pilota trentino, già vincitore nel 2008, a bordo della sua Osella PA 2000 EVO Honda, ha coperto le due manches, per un totale di 11 chilometri e 460 metri, in 5’56”11, risultando il primo in assoluto a scendere sotto il muro dei 6 minuti e sfiorando il record di singola salita, dato che nella seconda prova ha fermato il cronometri dopo 2’57”79, a circa mezzo secondo dal primato assoluto di Simone Faggioli (2’57”24 nel 2011). Merli ha dominato in entrambe le prove, infliggendo oltre 16 secondi sia al secondo, il marsalese Vincenzo Conticelli (Osella Pa 30) che al terzo, il pugliese Francesco Leogrande (Osella Fa 30), vincitore nella passata edizione e primo nel gruppo E2M. Ottima la prova di Giuseppe Castiglione (Formula Master), nativo di Buseto Palizzolo, nel Trapanese, giunto quarto al suo esordio. Al quinto posto si è piazzato il catanese Domenico Cubeda (Osella Pa 22), la cui prestazione è stata limitata da guai al cambio nella prima salita, mentre nella seconda è stato il primo alle spalle di Merli. Completano i primi dieci il calabrese Rosario Iaquinta (Osella Pa 215) e vincitore del gruppo Cn, il calabrese Domenico Scola (Osella Pa 21 Evo), penalizzato dal non aver effettuato le prove ieri, il marsalese Francesco Conticelli (Osella Pa 21 Evo), figlio di Vincenzo, Achille Lombardi (Radical sr4) e l’altro pilota locale Andrea Raiti (Lola B/99), ritornato alla Monte Erice dopo alcuni anni di assenza. Foto by atTRAZIONE MOTORI “Per la gara abbiamo trovato l’assetto migliore – è stato il commento di Christian Merli subito dopo la premiazione tenutasi nel parco chiuso a causa di un acquazzone abbattutosi su Erice Vetta subito dopo la fine della gara e che non ha permesso di tenerla nel classico scenario, dinanzi la Chiesa Madre -. Dopo le prove abbiamo azzardato delle regolazioni poiché le condizioni della seconda manche non ci hanno permesso di testare al meglio la macchina, ma abbiamo indovinato”. Il marsalese Vincenzo Conticelli, invece, pur spiegando di aver risentito del fatto di non aver effettuato la seconda salita di prove, ieri, ha ammesso, però, che Merli era irraggiungibile, mentre Francesco Leongrande ha evidenziato i problemi di sottosterzo che lo hanno frenato nella prima salita. L’alcamese Mauro Cacioppo (Mitsubishi Evo X) ha vinto il gruppo N nel quale il trapanese Umberto Lunardi (Subaru Impreza) ha forato nella seconda salita finendo al nono posto dopo aver chiuso secondo la prima prova. Nella Racing Start il primo posto è stato conquistato dal pugliese Oronzo Montanaro (Mini Cooper S), quindi il rallysta Bartolo Mistretta (Peugeot 207), di Partanna ha trionfato nel gruppo A ed il padovano Roberto Ragazzi (Ferrari 458) ha fatto suo il primo posto nel gruppo Gt, quindi, infine, Piero Nappi (Ferrari 550) è stato il più veloce nel gruppo E1 It. La gara, come al solito, è stata caratterizzata dalle condizioni meteo tanto che spesso i piloti hanno dovuto fare i conti anche con degli sporadici banchi di nebbia e con la pioggia, leggera, che scendeva a tratti.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings