Trapani Oggi

Mogavero: "Il dialogo per costruire il bene comune" - Trapani Oggi

#Milano |

Mogavero: "Il dialogo per costruire il bene comune"

16 Giugno 2013 10:28, di Redazione
visite 552

Le relazioni e il dialogo. Su questi temi si svilupperà la terza tappa del percorso pastorale triennale 2013/2014 della Diocesi di Mazara del Vallo, l...

Le relazioni e il dialogo. Su questi temi si svilupperà la terza tappa del percorso pastorale triennale 2013/2014 della Diocesi di Mazara del Vallo, le cui linee guida sono state illustrate dal vescovo Domenico Mogavero alla comunità di fedeli. "Se il dialogo, e in fondo la relazione gratuita con l’altro, non diventa l’obiettivo della pastorale, allora tutto il nostro impegno rischia di ridursi a stilare programmi, a tenere riunioni, a ragionare su verifiche, perdendo di vista il fratello da amare e pretendendo di andare a Dio senza il fratello", ha detto il vescovo. Mogavero ha parlato di una "conversione pastorale, scandita da una dinamica esodale e da una sinodale". Per la dinamica esodale, il vescovo ha ribadito che "la nostra Chiesa, comunitariamente, come popolo, deve uscire dalle sicurezze della propria autoreferenzialità, delle proprie abitudini, anche quelle religiose e rituali. Anche la Chiesa quando diventa autoreferenziale, si ammala, invecchia". Poi il riferimento a un "cristianesimo aperto, libero, capace di dialogo con tutti per costruire il bene comune nella giustizia al fine di rendere bello il volto dell’umanità e della terra, secondo il disegno originario di Dio che fece bene ogni cosa". "E' tempo - ha concluso Mogavero - di porsi in dialogo culturale e sociale con i tanti uomini di buona volontà per condividere quella volontà di bene che non è prerogativa individuale o esclusiva dei cristiani, ma appartiene a tutti coloro che hanno a cuore il bene comune. Oggi molte persone, anche nelle nostre comunità, vivono il dramma disperante della solitudine, determinata da povertà, malattie, dolore, lotte, tradimenti, fallimenti, abbandoni. Dobbiamo ascoltarne il grido e raggiungerle, non possiamo restare tranquillamente al sicuro, in casa".

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie