Trapani Oggi
Trapani Oggi

Sabato, 04 Luglio 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Morto l'ingegner Lo Trovato, presidente nazionale dell'Aias - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca

Morto l'ingegner Lo Trovato, presidente nazionale dell'Aias

29 Aprile 2020 09:56, di Salvatore Morselli
Morto l'ingegner Lo Trovato, presidente nazionale dell'Aias
Cronaca
visite 1051

Lutto nel mondo della sanità privata siciliana.
All’età di quasi 88 anni ( li avrebbe compiuti il prossimo 24 maggio)
è morto ieri sera l'ingegnere  Francesco Lo Trovato, Direttore Generale del C.S.R, (Consorzio Siciliano di Riabilitazione), Ente senza fine di lucro e non commerciale e presidente nazionale dell'Aias. Nato a Caltanissetta, nel 1961 si laurea in Ingegneria Industriale al Politecnico di Torino. Tornato in Sicilia, a Catania con un gruppo di amici fonda la Sud elettrica, società produtrice di cavi elettrici, telefonici e trasmissione dati con sede a Belpasso.
Colpito da un grave lutto per la morte del giovane figlio disabile "Kikki" si avvicina al mondo della  disabilità che diventa la sua ragione di vita e lo ha portato a far nascere in Sicilia ben venti centri di riabilitazione.
Di questi cinque in provincia di Trapani, Alcamo, Marsala,   Mazara del Vallo, Paceco e  Salemi, quattro a Catania,  Militello Val di Catania,Viagrande, Acireale e appunto Catania, quattro a Enna, Barrafranca, Enna,Nicosia, Piazza Armerina, quattro a Ragusa, Comiso, Modica, Pozzallo,  Ragusa, due a Siracusa, Augusta e Melilli ed uno a Caltanissetta, nel capoluogo.
Personaggio spigoloso, ha dedicato la sua esistenza ai diversamente abili per dare loro la possibilità di una riabilitazione costante, mentale e fisica, riconoscendo il loro  diritto ad una vita migliore. 
È stato al centro di diverse vicende giudiziarie legate all’utilizzo dei fondi del Csr, da cui si è sempre difeso sostenendo che “ decine di Commissioni Tributarie (da ultimo fino al 2015) hanno sempre affermato che il C.S.R. è un ente non commerciale? Ci sarà un motivo per cui ancora oggi non esiste una legge specifica che stabilisca che strutture come il C.S.R. siano “attività commerciali”! E se così fosse stato, il C.S.R. avrebbe eseguito la denuncia di redditi e pagato le tasse conseguenti”.
Aveva lasciato la presidenza del C.S.R. al figlio Sergio. 
Con l'esplosione della pandemia i venti centri siciliani, che dannio lavoro ad oltre seicento cinquanta  persone, sono stati chiusi ed il personale collocato in cassa integrazione. 
 

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings