Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 13 Agosto 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Naufragio migranti, arrestato scafista - Trapani Oggi

0 Commenti

5

2

2

0

2

Testo

Stampa

Cronaca
Trapani

Naufragio migranti, arrestato scafista

17 Aprile 2015 09:50, di Ornella Fulco
Naufragio migranti, arrestato scafista
Cronaca
visite 335

Un cittadino di origine nigeriana, Ayoola Akinshulu, 31 anni, è stato sottoposto ieri a fermo d’indiziato di delitto per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e morte come conseguenza di altro delitto in concorso con altre persone, attualmente ancora non identificate. I fatti si riferiscono al naufragio avvenuto mercoledì scorso a circa 37 miglia dalle coste libiche. In quell’occasione la nave “Bersagliere” della Marina Militare Italiana ha soccorso i quattro occupanti di un gommone sgonfio e semiaffondato che poi sono stati trasbordati sulla nave “Foscari” giunta ieri mattina al porto di Trapani con 587 migranti, di diverse nazionalità, recuperati in distinte operazioni in acque internazionali. Le indagini condotte dall'ufficio Criminalità straniera della Questura di Trapani hanno consentito di accertare che l’Akinshulu sarebbe lo scafista del gommone, partito dal porto della città di Zouara, in Libia, con a bordo 45 migranti per lo più provenienti da Niger, Nigeria e Ghana. Dopo poche ore di navigazione l’imbarcazione ha ceduto perdendo la chiglia e causando la morte di 41 delle persone trasportate, tutti maschi adulti. I superstiti hanno raccontato agli investigatori che l'uomo si era accordato con i trafficanti di esseri umani di stanza in Libia - mediando attraverso suoi connazionali residenti in quel Paese - per non pagare il “viaggio” verso l’Italia assumendosi l’onere di condurre il gommone insieme ad altro migrante che avrebbe perso la vita nel corso del naufragio. Akinshulu è stato condotto alla Casa circondariale di Trapani, a disposizione del sostituto procuratore Andrea Tarondo che coordina le indagini.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings