Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 17 Ottobre 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Nuova accusa di corruzione per Fazio: i particolari - Trapani Oggi

0 Commenti

3

2

1

3

2

Testo

Stampa

Cronaca
Trapani

Nuova accusa di corruzione per Fazio: i particolari

24 Gennaio 2018 12:36, di Redazione
Nuova accusa di corruzione per Fazio: i particolari
Cronaca
visite 1058

Sarebbe legato ad un presunto caso di pagamento di tangente, corrisposta dal 47enne imprenditore trapanese Aldo Carpinteri, titolare di "Stefania Mode", il nuovo sequestro preventivo ai fini della confisca ottenuto nei giorni scorsi dalla Procura di Trapani nei confronti dell'ex deputato regionale Girolamo Fazio. L'indiscrezione è riportata dal quotidiano online Tp24.it. Il valore dell'appartamento nel centro storico di Trapani, adibito a bed&breakfast, è  pari alla cifra, 35.000 euro, che secondo gli inquirenti, sarebbe stata pagata, mascherata da corrispettivo per una fornitura di vino mai effettuata, in cambio dei "favori" ottenuti da Fazio. Nella sua veste di deputato regionale, si sarebbe adoperato "per presentare disegni di legge che si potrebbero definire ad personam, prendere contatti con soggetti istituzionali, acquisire informazioni ed elaborare strategie al preciso scopo di favorire i privati dei quali era consulente legale a tutto tondo e che lo ricompensavano lautamente per l’attività svolta". Sempre secondo quanto riportato dal quotidiano online marsalese, "Stefania Mode" (che grazie al commercio on line oggi dichiara un fatturato di 70 milioni di euro) ha acquistato il Palazzo "Europa", sito nella zona industriale di Trapani e Fazio presentò un disegno di legge che prevedeva il raddoppio della percentuale dell'area industriale di Trapani da destinare ad attività di distribuzione commerciale favorendo - dicono i magistrati - Carpinteri che, altrimenti, non avrebbe potuto trasferirvi  la sua attività. L'imprenditore avrebbe poi pagato la tangente in base ad una fattura per la fornitura di 800 bottiglie di vino che, però, stando alla tesi della Procura, non sarebbero mai state effettivamente consegnate.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings